Kim Rossi Stuart: “Voglio un altro figlio”

Kim Rossi Stuart, a Venezia con Ilaria Spada, rivela il suo sogno più grande: quello di avere altri figli

Kim Rossi Stuart in questi giorni è impegnato al Festival di Venezia come presidente di giuria nella sezione Opera Prima, ma il suo sogno continua ad essere quello di allargare la famiglia e avere un altro figlio. A rivelarlo è stato lui stesso in una recente intervista dove ha svelato che, dopo il piccolo Ettore, di 4 anni, ora vorrebbe avere un altro bambino da Ilaria Spada.

Io e Ilaria siamo due genitori entusiasti, innamorati, forse pure troppo” ha raccontato Kim Rossi Stuart, che è pazzo d’amore per il piccolo Ettore e per la moglie Ilaria Spada “Ieri le dicevo: “Spero non faccia male a Ettore tutta questa venerazione. Ce lo sbaciucchiamo continuamente, lo abbracciamo, lo coccoliamo tutto il giorno”. Ma poi mi sono detto che i baci non sono mai troppi, no?”.

Nel futuro di Kim Rossi Stuart dunque non c’è solo il cinema e un ruolo da regista sempre più importante (ha da poco presentato il suo secondo film Tommaso), ma anche una famiglia numerosa, a partire da un altro figlio che forse arriverà presto. “Mi piacerebbe una famiglia numerosa” ha spiegato l’attore e regista “pensiamo di avere almeno un altro figlio e poi io impazzirei per una femminuccia, ma stiamo ancora recuperando le energie. Tra notti insonni e fatiche fisiche, i primi anni di un bimbo sono un’impresa!”.

Nel frattempo Rossi Stuart e la moglie Ilaria Spada sono più innamorati che mai. Galeotto fu un incontro a casa di Caterina Balivo, amica di entrambi, che decise di farli conoscere. Da allora i due non si sono mai più separati, si sono sposati e quattro anni fa hanno avuto il piccolo Ettore. Ora Kim sogna di allargare la famiglia, anche se per ora dovrà aspettare visto che, dopo un periodo di lontananza dai riflettori, Ilaria Spada è tornata a recitare, dedicandosi alla carriera, senza dimenticare il piccolo principe di casa.

Kim Rossi Stuart: “Voglio un altro figlio”
Kim Rossi Stuart: “Voglio un altro figlio”