Gonna e tacchi alti alla Casa Bianca: le donne si ribellano a Donald Trump

Trump avrebbe imposto alle collaboratrici alla Casa Bianca di "vestirsi da donne, con tacchi alti e gonne" e sui social scoppia la protesta

Donald Trump chiede “gonna e tacchi alti” alla Casa Bianca, e il popolo femminile si ribella sui social al grido di #dresslikeawoman. Secondo le ultime indiscrezioni il nuovo presidente degli Stati Uniti avrebbe imposto alle sue collaboratrici alla Casa Bianca un dress code specifico che esalti la loro femminilità, chiedendogli di “vestirsi da donne”. A svelarlo è Mike Allen, giornalista politico di Washington, che nella sua rubrica ha svelato alcune indiscrezioni arrivate direttamente da un collaboratore di Trump.

Secondo l’uomo il Presidente sarebbe ossessionato dall’abbigliamento e avrebbe preteso un dress code specifico per tutti i suoi collaboratori. Gli uomini, riferisce un collaboratore “devono indossare colori decisi, portare sempre la cravatta e avere i capelli ben curati”, mentre le donne devono avere un outfit ricercato. “A Trump  – ha spiegato il giornalista – piace che le sue dipendenti ‘si vestano come donne’, dice una fonte che ha lavorato per la sua campagna. ‘Specie se sei in jeans, devi sembrare pulito e in ordine’. A quanto ci risulta le donne che hanno lavorato per la campagna di Trump erano preoccupate di indossare vestiti che impressionassero Donald”.

L’indiscrezione ha indignato e fatto arrabbiare moltissime donne, che sui social hanno mostrato il loro dissenso per l’iniziativa usando l’hashtag #dresslikeawoman (vestiti da donna) e postando selfie e immagini in cui appaiono vestite in abiti da lavoro, chi da infermiera, chi da poliziotta o da medico. Donne normali a cui sono state affiancate le immagini di personalità simbolo, come Samantha Cristoforetti, astronauta e donna, nonché mamma, ma anche Malala Yousafzai, attivista pakistana e Premio Nobel. In tanti hanno citato Licia Ronzulli, la parlamentare che ha scelto di portare al lavoro la sua bambina: “Porta la tua bambina – recita un post – insegnale a votare, insegnale a governare. Vestiti come Licia Ronzulli al parlamento europeo”.

Da Donald Trump nessuna risposta alla protesta, né smentite riguardo l’indiscrezione, che non è stata confermata dalla Casa Bianca, ma è riuscita a scatenare un’ondata di indignazione. Di certo le ultime azioni di Trump verso le donne non hanno aiutato il Presidente a conquistare l’elettorato femminile. L’ultima provocazione era stata una foto in cui firmava un atto contro l’aborto (quindi una legge che riguarda le donne) con intorno tutti collaboratori uomini. Un provvedimento a cui le donne – e non solo – hanno risposto con proteste ancora più accese e, a quanto pare, non hanno alcuna intenzione di fermarsi.

Gonna e tacchi alti alla Casa Bianca: le donne si ribellano a Donald Trump
Gonna e tacchi alti alla Casa Bianca: le donne si ribellano a Donald&n...