Festa del papà vietata alla mamma: la denuncia

La testimonianza di una lettrice: la presa di posizione della scuola, la solidarietà degli altri genitori, le (semplici) domande di una donna alle nostre coscienze

Riceviamo e pubblichiamo

Spettabile Redazione,

ritengo opportuno segnalare quanto avvenuto in una storica scuola privata parificata (cattolica) di Tivoli, in provincia di Roma, il giorno 17 marzo scorso. Sono la mamma di due bimbi di quasi 34 mesi, iscritti alla sezione primavera. Sono stata letteralmente attaccata dalla direzione della scuola da loro frequentata perché ho osato presentarmi allo spettacolo organizzato per la festa del papà, in veste di sostituto di mio marito, fuori per lavoroEra per me un ordine tassativo andare via e allontanarmi immediatamente!

Sarebbe stata accettata una sostituzione  con un nonno o uno zio (o magari un nipote o un cugino…purché di sesso maschile). La sottoscritta, con la famiglia di origine e quella del marito  lontane dalla città di residenza, essendo quindi sola (con un marito che esce la mattina e torna alle sette di sera) e avendo cresciuto senza l’aiuto di nessuno i due cucciolotti, ha ritenuto ovvio, naturale, scontato presentarmi per fare le veci del padre che, a malincuore, non aveva potuto assentarsi dal lavoro.

Apriti cielo! Stavo creando un danno, un trauma psicologico ai miei figli con la mia presenza, a detta della direttrice! Certo, tutti i bambini avrebbero visto in sala qualche familiare e i miei si sarebbero trovati, soli, senza nessuno! E sono io mamma che intende creare traumi?

Fortunatamente, nel pieno della discussione, mentre provocatoriamente minacciavo di  portar via i miei figli, una delegazione di papà ha comunicato ufficialmente alla direzione che “la signora per volere dei papà dovrà rimanere”. Immaginate con quale fare stizzito e furioso sia stato rivolto alla sottoscritta “allora la signora rimarrà contro il volere della scuola!”.

Mi chiedo e Vi chiedo… se fossi stata vedova? Separata? Ragazza madre? O magari lesbica? (difatti molti hanno posto la questione dell’omogenitorialità a riguardo)… I miei figli avrebbero dovuto assistere alla platea dei parenti maschi dei loro amichetti, magari in un angolo della stanza nell’attesa che qualcuno potesse arrivare? E poi sono io mamma che arreco loro un danno psicologico?….

(…)  io e mio marito, convocati della preside, siamo stati tutt’altro che accolti da una suora (preside pro forma) non presente all’accaduto! Mi sono state imposte le dimissioni dalla carica di rappresentante di classe per il comportamento a dir poco ortodosso da me tenuto! E senza neanche voler ascoltare la mia versione dei fatti! In nome di un: “Mi è stato riferito dai presenti!”. Prima è stato dichiarato che “la signora non è stata cacciata!”. Poi, all’affermazione di mio marito che “nessuno si permette di cacciare nessuno”, tantomeno in una scuola cattolica e coi bambini frequentanti da mesi la struttura, la frittata è stata rigirata e ci siamo sentiti rispondere: “Nessuno tranne chi pretende di entrare con prepotenza!”. Io, una mamma, sarei entrata con le armi nella scuola dei miei figli? Avrei sfondato il portone? Sfido chiunque dei presenti ad affermare questo!

Sono stata semplicemente ferma (forse impertinente?) nel dichiarare che non mi sarei mossa dalla scuola e, nel caso, che sarei andata via coi miei figli  cosa che stavo per fare se non si fossero intromessi i papà. Ciò non toglie che, al di là della mia reazione fuori dagli schemi, probabilmente fuori controllo, trovo ingiusto e ingiustificato un comportamento del genere! Avrei voluto vedere se altre mamme nella mia situazione avrebbero agito diversamente…

Inoltre, come organo super partes (in teoria) la preside avrebbe dovuto riceverci con altri modi, cercando un confronto, magari convocando anche la direttrice, sforzandosi di trovare un compromesso per il quieto vivere (e non perdere due rette! Ovviamente siamo andati via coi bimbi, iscrivendoli immediatamente in un’altra scuola)

Dora

Festa del papà vietata alla mamma: la denuncia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Festa del papà vietata alla mamma: la denuncia