A Palermo si può allattare al seno nelle sedi del Comune

Slogan dell'iniziativa: 'Qui la mamma che allatta è la benvenuta'. Il sindaco: "Tornare al passato ci fa essere futuro"

Da poche settimane, precisamente dal 7 febbraio, a Palermo sono state attivate 10 postazioni per l’allattamento al seno a Palazzo delle Aquile, sede del Comune.

Slogan dell’iniziativa è ‘Qui la mamma che allatta è la benvenuta’ con lo scopo di sensibilizzare e promuovere una pratica che non ha niente di più naturale nel rapporto tra madre e neonato.

Si tratta, infatti, anche di una evidente risposta ad alcuni episodi di ‘discriminazione’ che sono avvenuti di recente (ad esempio, in relazione a quanto accaduto alle Poste di Biella), ribadendo il messaggio che allattare al seno fa bene sia alla mamma che al bebè.

In programma anche l’attivazione delle postazioni nelle 8 sedi delle Circoscrizioni della città.

Già operativa anche quella di Villa Niscemi, altra sede comunale, che si trova nei pressi della famosa Palazzina Cinese.

“Speriamo che questa iniziativa – ha commentato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando – possa avere un effetto positivo di contaminazione per un cambio culturale che faccia dell’allattamento al seno non qualcosa che appartiene al passato ma qualcosa che costituisce garanzia di salute per i bambini e per le madri. Ogni tanto, tornare al passato, ci fa essere futuro”.

L’iniziativa è stata promossa dalla Presidenza del Consiglio Comunale e dal Comune di Palermo e si inserisce in un programma più ampio di attività sul tema, in sinergia con diverse associazioni, nell’ambito del protocollo ‘Palermo città amica dei bambini e delle bambine’, siglato dal Comune del capoluogo siciliano e dal Comitato Provinciale per l’Unicef.

Le postazioni, infine, sono state finanziate da ‘Sherbeth, Festival del gelato artigianale’.

A Palermo si può allattare al seno nelle sedi del Comune
A Palermo si può allattare al seno nelle sedi del Comune