5 consigli d’oro per l’abito da sposa di seconda mano (o in affitto)

Simona Spinola

Simona Spinola Responsabile comunicazione Zankyou.it

Il matrimonio è un momento ricco di sogni e desideri e non si dovrebbe pensare alle spese. Tuttavia, dobbiamo spesso fare i conti con la realtà che nella sua freddezza ci dice che affittare un vestito da sposa o comprarne uno usato può essere una buona soluzione. Per esempio, lo sapevate che è possibile avere vestiti quasi nuovi utilizzati nelle passerelle e nelle produzioni fotografiche o che è possibile affittare modelli non ancora usati? Basteranno solo con alcuni ritocchi (occhio alle dritte dell’esperta riguardo alle modifiche dell’abito), e l’abito sembrerà realizzato apposta per voi.

Foto via Domo Adami

Foto via Domo Adami

Però prima di decidere, vale la pena tenere in conto i consigli degli esperti:

1. I difetti

Verificare che il vestito non presenti falli incorreggibili come, ad esempio, essere scomodo sul petto, avere difetti allo scollo o un taglio che non calza bene. Ecco in questa mini-guida come scegliere la scollatura che ci sta meglio in base alla silohuette.

2. La lunghezza

Attenzione alla lunghezza: se il vestito è lungo generalmente si può accorciare a meno che non ci siano specifici dettagli da mantenere.

Foto via Asos

Foto via Asos

3. La taglia

Per la taglia, generalmente, se è stretta si può allargare un po’ e restringere se troppo larga.

4. Dove

È importante informarsi sui luoghi che affittano vestiti e stare attenti che non vengano caricate le spese per effettuare eventuali cambi.

5. Tempi e costi

Si dice che le spose che optano per questa scelta risparmino il costo equivalente a questi elementi: la pettinatura, il bouquet, il trucco e le scarpe. Nel caso in cui la tua scelta ricada sull’affitto del vestito, ti chiederanno un 20 o 30% per riservarlo e te lo manderanno circa una settimana prima delle nozze, per poi farselo restituire entro tre o quattro giorni dalle avvenute nozze.

Atelier Jamal Taslaq

Atelier Jamal Taslaq

Infine, il consiglio che vi diamo, se decidete di optare per una delle due possibilità, è quello di iniziare a muovervi presto, perché chiaramente non tutti i negozi che offrono questo servizio avranno la vostra taglia e non tutte le modifiche saranno possibili. Ecco qui gli indirizzi dei migliori atelier da sposa d’Italia, da contattare sena alcun impegno!

(Foto via Domo Adami, Asos, Atelier Jamal Taslaq)

Salva

Simona Spinola Responsabile comunicazione Zankyou.it Responsabile di comunicazione per Zankyou.it, Simona, laureata in Comunicazione con un master in Editoria on/off line, ha maturato ampia esperienza in uffici stampa, case editrici ed agenzie di pubblicità. Adora la fotografia, i cactus, i viaggi improvvisati zaino in spalla, sente forte e chiaro il richiamo dell'Asia. Per lavoro scrive e nel tempo libero pure, sempre attenta a catturare nella blogosfera idee originali da proporre alle future spose Zankyou. Ma - per carità - non chiedetele se si vuole sposare. https://www.zankyou.it/

5 consigli d’oro per l’abito da sposa di seconda mano (o i...