Maturità, la dieta giusta per i quattro tipi di studenti

Cioccolato, frutta, cereali... Gli alimenti corretti per eliminare stress ed ansia durante la maturità a seconda del proprio carattere. Assolutamente vietato il cibo spazzatura

L’esame di maturità è una delle prove più logoranti della vita. E non solo per gli studenti che sono in ansia costante, ma anche per noi mamme sempre più sotto stress di fronte a una situazione spesso difficile da gestire. La domanda più ricorrente che ci facciamo è: come posso aiutare mio figlio?

Un primo passo per affrontare serenamente le fatidiche prove ce lo suggerisce la dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, autrice del libro La dieta dei biotipi, che individuati quattro tipi biologici diversi di studenti, ha ideato altrettante diete specifiche con lo scopo di calmare, gestire le emozioni, ridurre gli stati di agitazione (scoprite anche il potere del rosmarino).

Lo studente cerebrale è iperattivo, tendenzialmente ansioso, qualche volta inconcludente ed emotivo. L’idea di affrontare l’esame lo agita a tal punto da disturbargli il sonno e procurargli una colite da stress, è sempre più magro e bisognoso di zuccheri. Per lui è importante un’alimentazione che gli permetta di migliorare l’efficienza mentale e di ritrovare la calma. Quindi sì a cereali, una tazza di fiocchi d’avena e latte è ideale a colazione, a frutta e verdura. Assolutamente vietati tè e caffè che sono stimolanti. Fondamentali sono gli spuntini, meglio se di frutta estratta per eliminare le fibre che causano colite, e nocciole, mandorle, noci. A cena consumare rigorosamente pasti completi, composti da cereali integrali o legumi rigorosamente decorticati per evitare l’aggravamento della colite, proteine magre (uova, pesce, carne), verdura cruda o cotta masticata accuratamente.

Lo studente bilioso sa gestire l’emotività anche in situazioni di stress. Sopporta abbastanza bene le tensioni, vuole emergere senza preoccuparsi troppo, mantenendosi anche in un buon stato fisico. Per lui è consigliabile bere tè verde entro le 16, fare spuntini a base di cioccolato fondente, frutta fresca e secca. Pranzo e cena non vanno mai saltati e dovrebbero prevedere verdura in abbondanza, cereali, ma non troppi, e proteine magre.

Lo studente sanguigno è probabilmente quello meno agitato nell’affrontare la maturità. Intende raggiungere un risultato accettabile senza fare troppa fatica. Deve essere invogliato a studiare e deve essere stimolata l’attività intellettuale. Dunque, sì al tè verde che è ricco di stimolanti da bere almeno 4 volte al giorno.

Lo studente linfatico è pigro, rallentato, con sonnolenza. Non è per niente spaventato dagli esami che spera di superare senza troppa fatica e con un ottimismo insito nel caso di fallimento. Per lui è assolutamente vietato l’introito di zuccheri semplici e prediligere proteine magre e la verdura per ridurre pigrizia e sonnolenza.

Per tutti i tipi sono consigliabili tisane e integratori alimentari per il corpo e la mente. Ed è assolutamente vietata ogni forma di junk food.

Maturità, la dieta giusta per i quattro tipi di studenti