Vene varicose in gravidanza: sintomi, cause e rimedi

Le vene varicose sono un problema che affligge moltissime donne in gravidanza, scopriamone sintomi, cause e cure

Durante la gravidanza sono moltissime le donne che soffrono di varici e vene varicose, in particolare quando il momento del parto si avvicina. Questi vasi, che prima non erano visibili, spuntano in superficie sulle cosce, sulle caviglie, sui piedi e persino sulla vulva, dove spesso creano rigonfiamenti e irregolarità.

Cosa sono e perché si formano le vene varicose in gravidanza

Perché si formano le vene varicose in gravidanza? Durante i 9 mesi di gestazione il corpo della donna subisce grandi cambiamenti, fra questi molti riguardano il sangue, che si modifica, cambiando volume e composizione. Il volume del sangue nelle vene e nelle arterie aumenta per consentire alla mamma di nutrire il bambino, soprattutto nella zona del bacino e, di conseguenza, delle gambe. Spesso questa grande quantità di sangue non viene smaltita dal corpo, creando dei ristagni. Quando la fine della gravidanza si avvicina, l’utero ha un peso e una dimensione tale che comprime con forza le vene e le arterie, rendendo difficile la circolazione del sangue e provocando la formazione di vene varicose.

Le vene varicose solitamente non sono pericolose per il bambino, ma la situazione andrebbe comunque monitorata, soprattutto se il numero di varici continua ad aumentare. La cosa migliore da fare sarebbe contattare, oltre al ginecologo, anche l’angiologo, per evitare che si formino flebiti superficiali oppure trombosi venose profonde.

Come curare le vene varicose in gravidanza

Ogni donna incinta dovrebbe cercare di prevenire la comparsa delle vene varicose. La prima regola è quella di bere molto, per drenare i liquidi e avere gambe più leggere, è poi necessario tenere sotto controllo l’aumento di peso che deve essere proporzionato all’avanzare dei mesi di gravidanza e senza eccessi. Un aumento superiore ai dodici chili ad esempio porterebbe ad uno schiacciamento dei vasi e ad un rallentamento della circolazione con la possibilità che si sviluppino le vene varicose.

Un aiuto può arrivare dalle calze elastiche, che comprimono la gamba, favorendo la circolazione del sangue nei vasi e il riassorbimento dei liquidi. Infine è particolarmente utile curare la salute dei piedi e delle gambe, facendo qualche pediluvio con acqua e sale per favorire la circolazione e tenendo le gambe sempre sollevate, anche quando si dorme.

Vene varicose in gravidanza: sintomi, cause e rimedi