Nausea in gravidanza: quando inizia, cause e prevenzione

A soffrire di nausea, durante la gravidanza, è circa il 90% delle gestanti. Scopriamo quando inizia, le cause e come prevenirla

La nausea è il disturbo più frequente e fastidioso in gravidanza. Colpisce circa il 90% delle gestanti in particolar modo nel primo trimestre, anche se in alcuni casi inizia a manifestarsi dopo due settimane dal concepimento. Generalmente, la nausea compare tra la quinta e l’ottava settimana di gestazione, raggiungendo l’apice tra la dodicesima la quattordicesima. Nella maggior parte dei casi, tende a sparire dopo il terzo mese di gravidanza, tuttavia circa il 20% delle donne in dolce attesa continua ad avvertirne i sintomi anche in seguito.
Questo fastidioso malessere si manifesta principalmente la mattina al risveglio, quando si è a stomaco vuoto, ma capita spesso che si presenti anche nelle ore pomeridiane, serali e notturne.

Le cause della nausea in gravidanza

Sebbene non siano ancora chiare le cause della nausea in gravidanza, a scatenarla potrebbero essere in primo luogo i cambiamenti ormonali. Uno dei principali fattori che provocano questo malessere è l’aumento dei livelli della gonadotropina corionica umana (Beta-hCG) – un ormone prodotto già pochi giorni dopo il concepimento – che si verifica nel sangue materno fino al terzo mese di gravidanza. Nelle donne che aspettano dei gemelli sono addirittura più elevati, per cui risultano maggiormente soggette al disturbo. Inoltre, nel primo periodo di gravidanza l’aumento dei livelli di progesterone provoca un’alterazione delle funzioni dell’apparato digerente, comportando anche acidità di stomaco e stitichezza.
Alcuni studi hanno dimostrato che la nausea gravidica potrebbe essere un tentativo di difesa dell’organismo nei confronti di cibi potenzialmente pericolosi, soprattutto nel primo trimestre, quando il bambino comincia a formarsi.

Come prevenire la nausea in gravidanza

Si può prevenire la nausea sin dal risveglio, prima di far colazione, mangiando ad esempio un cracker, una fetta biscottata o un biscotto secco, oppure del pane tostato. Chi soffre di nausea, durante la gravidanza, dovrebbe favorire l’assunzione di cibi solidi rispetto a quelli liquidi, scegliendo attentamente gli alimenti e preferendo quelli ricchi di carboidrati, poveri di grassi e facili da digerire. Meglio fare tanti piccoli spuntini durante l’arco della giornata, anziché i classici tre pasti principali, perché la nausea tende a peggiorare a stomaco vuoto. Per prevenire la nausea gravidica si può utilizzare anche lo zenzero, assumendolo  candito o fresco, oppure come infuso. E’ bene, inoltre, evitare i cibi fritti o troppo grassi, e non eccedere con zucchero e sale. C’è, infine, chi ricorre a soluzioni come i braccialetti per l’agopressione, l’agopuntura e l’ipnosi.

Nausea in gravidanza: quando inizia, cause e prevenzione