La gravidanza: terza settimana

La terza settimana di gravidanza presenta i primi sintomi per le mamme incinta, mentre l’embrione inizia a crescere rapidamente

 

Nella terza settimana di gravidanza la futura mamma inizia a sentirsi decisamente diversa e ad avvertire i primi sintomi. La donna è ormai ufficialmente incinta e sente che il suo corpo sta cambiando e si sta modificando molto in fretta. Al suo interno infatti si sta verificando il processo di “annidamento”, attraverso cui il trofoblasto, che si è formato nelle prime settimane di gravidanza, aderisce alla pareti dell’utero, penetrando al suo interno. La mucosa uterina risponde a questa “invasione” con quella che i ginecologi chiamano “reazione deciduale”, ossia inspessendosi grazie alla proliferazione delle cellule endometriali.

I sintomi della terza settimana di gravidanza

La terza settimana di gravidanza è caratterizzata da sintomi ben evidenti, che possono variare per intensità e frequenza da una donna all’altra. La persona incinta inizia ad avvertire i primi sbalzi d’umore, ma anche una tensione al seno, stanchezza, sonnolenza diurna e spesso nausea al mattino. Tutti questi sintomi sono provocati dai cambiamenti ormonali che si stanno verificando nel corpo che hanno come scopo quello di favorire la crescita dell’embrione e di impedire che venga espulso dall’utero. Altri sintomi frequenti sono un forte appetito e il bisogno molto frequente di urinare. In questo periodo, come è accaduto nella seconda settimana, è possibile che si registrino delle piccole perdite ematiche legate all’impianto dell’embrione. Queste perdite sono del tutto normali, ma nel caso diventino particolarmente abbondanti e siano accompagnate da dolore addominale, è sempre meglio rivolgersi al ginecologo. Potrebbe infatti essersi verificata una gravidanza ectopica oppure un aborto spontaneo. Nella terza settimana di gravidanza il concepimento è avvenuto da poco, per questo molte donne incinta potrebbero anche non avvertire nessun sintomo. Solitamente i primi cambiamenti riguardano il senso di fame. Alcune future mamme tendono a dimagrire a causa del leggero senso di nausea che le porta a mangiare di meno, mentre altre tendono ad ingrassare e a sentirsi più gonfie a causa della continua fame.

Com’è il bambino nella terza settimana

Gravidanza terza settimanaLa terza settimana vede l’embrione crescere ulteriormente e arrivare fra i 14 e i 21 giorni. Un lasso di tempo in cui raddoppia il suo volume ogni giorno e si evolve rapidamente. In tale periodo di tempo il piccolo è solo un minuscolo puntino, in cui però si può già distinguere una testa e una coda. La terza settimana è un periodo molto delicato e speciale per lo sviluppo del bambino, perché inizia a formarsi il sistema nervoso, il cervello ed il midollo. Il cuore, originato da due vasi sanguigni, inizia a battere molto lentamente, con 40 battiti al minuto. Si formano anche le orecchie e gli occhi. L’embrione si nutre ancora delle sostanze  contenute nel rivestimento uterino e la dieta della mamma influenza la sua crescita.

Per altre informazioni sulla gravidanza leggi anche:
La gravidanza: quarta settimana
La gravidanza: quinta settimana
La gravidanza: sesta settimana
La gravidanza: settima settimana
La gravidanza: ottava settimana

La gravidanza: terza settimana