Gravidanza: rimanere incinta a 30 anni

Cosa significa rimanere incinta dopo i 30 anni? Scopriamo i pro e i contro di una gravidanza a questa età

Moltissime donne iniziano a sentire il desiderio di gravidanza solo dopo i 30 anni. Con la voglia di avere un figlio però emerge spesso la volontà di rimanere incinta nel più breve tempo possibile e la paura di non riuscirci. In realtà non esiste un’età ideale in cui diventare mamma, poiché le variabili da prendere in considerazione sono molte e variano a seconda della storia personale e clinica di ogni persona.

Secondo una ricerca realizzata da un team di studiosi in Inghilterra, e pubblicata sulla rivista “Health and Social Behaviour Journal”, l’età migliore per una gravidanza sono i 34 anni. Non solo, uno studio realizzato da Jean Twenge ha dimostrato come in realtà non sia così difficile rimanere incinta dopo i 30 anni e come l’80% delle donne con un’età compresa fra i 38 e i 39 anni riescano ad iniziare una gravidanza entro sei mesi dal primo tentativo di concepimento.

Rimanere incinta a 30 anni: pro e contro

Come accade per i 40 anni, anche a 30 anni una gravidanza presenta i suoi pro e i suoi contro. Superati i 30 anni infatti la donna ha raggiunto non solo una stabilità economica, ma anche sentimentale e personale. In questo periodo della vita solitamente le donne sanno bene ciò che vogliono dal futuro e sono molto più responsabili e sicure di quanto non fossero a vent’anni.

Dal punto di vista fisico le mamme trentenni hanno ancora la stessa energia di un decennio prima, ma molta più pazienza. In più possono contare sulla collaborazione dei nonni, che non sono troppo anziani per badare ai piccoli, ma nemmeno troppo giovani e occupati.

D’altra parte però il quadro clinico della donna non è più quello che possedeva a vent’anni, gli aborti possono essere più frequenti, mentre se avesse deciso di rimanere incinta dieci anni prima, la mamma trentenne avrebbe avuto in un anno di rapporti non protetti l’80% di probabilità di concepire. Nonostante ciò, quando si rimane incinta a 30 anni, non variano le misure e i controlli da adottare. Le analisi prenatali e i test di screening sono a discrezione della donna, che sceglie se farli o no, mentre durante la gravidanza si eseguono le canoniche visite periodiche da fare ogni 4-6 settimane.

 

Gravidanza: rimanere incinta a 30 anni