Gravidanza e farmaci: il paracetamolo

Il paracetamolo si può usare durante la gravidanza? Che controindicazioni presenta? Scopriamolo insieme

Il paracetamolo da sempre è considerato uno fra i medicinali migliori da assumere in gravidanza. Questo perché presenta pochi effetti collaterali e non provoca danni al feto. Proprio per questo motivo molte donne incinta lo prendono in caso di febbre alta oppure dolore. Nel ultimi anni però alcuni studi hanno mostrato come il consumo di paracetamolo durante la gravidanza potrebbe provocare qualche problema al feto. In particolare gli studiosi credono che questo medicinale possa essere dannoso nel caso il bambino sia un maschietto, poiché inibisce la produzione di testosterone, l’ormone sessuale che si trova nei feti di sesso maschile. L’azione del paracetamolo sull’ormone maschile nel tempo potrebbe provocare la formazione di alcune tipologie di tumore e infertilità.

Paracetamolo in gravidanza

Cosa fare allora? A dispetto delle ultime ricerche il paracetamolo resta comunque uno dei medicinali migliori da assumere durante la gravidanza, visto che non aumenta il rischio di avere un aborto spontaneo, ma anche di malattie congenite e malformazioni cerebrali nel feto. Al contrario di altri medicinali inoltre non impedisce lo sviluppo del bambino nè le sue capacità intellettive.

L’importante è come sempre rispettare le dosi e non superare mai un consumo di 3 grammi al giorno. Un sovradosaggio potrebbe causare danni al fegato e ai reni della donna, ma anche anemia. Come tutti i farmaci dunque va assunto sotto stretto controllo del medico curante. Infine il consumo di paracetamolo andrebbe limitato durante la seconda metà della gravidanza. Alcune ricerche infatti hanno mostrato che le gestanti che usavano questo medicinale in tale periodo soffrivano di tachicardia, asma e dispnea. Per ora comunque sia l’unica controindicazione confermata da tutti riguarda le donne con problemi di fegato, che dovrebbero consultare il medico.

Gravidanza e farmaci: il paracetamolo
Gravidanza e farmaci: il paracetamolo