Esami gravidanza: il valore del TSH

Il TSH è un valore da tenere sotto controllo durante la gravidanza tramite alcuni esami fondamentali

Tenere sotto controllo i valori della tiroide è molto importante, soprattutto nei primi mesi di gravidanza, quando il feto si sta sviluppando e si rischia di andare incontro a problemi e malformazioni nel caso in cui alcuni valori non siano nella norma. Il TSH, denominato thyroid stimulating hormone, è un ormone che viene prodotto dall’ipofisi e che svolge una funzione molto importante, regolando il funzionamento della tiroide, favorendo la produzione degli ormoni tiroidei, T3 e T4 e l’assorbimento dello iodio da parte delle ghiandole.

TSH in gravidanza

Un aumento del TSH (con valori oltre i 20 mU/l) potrebbe indicare che la donna soffre di ipotiroidismo primario o di adenomi ipofisari TSH secernenti. Al contrario la sua diminuzione, soprattutto se con assenza di risposta al TRH, è un chiaro segnale di ipotiroidismo provocato da una disfunzione dell’ipofisi. Infine valori bassi del TSH, accompagnati da un aumento di ’T3 e T4 è un chiaro segno di ipertiroidismo.

L’esame del valore TSH in gravidanza si effettua tramite le analisi del sangue. Perché non ci siano problemi prima del prelievo è fondamentale sospendere l’uso di farmaci che possano in qualche modo alterare la concentrazione di questo ormone nel sangue (ad esempio gli androgeni, i salicilati, fra cui l’Aspirina, gli estrogeni e il potassio).

Nell’organismo la produzione di TSH varia durante tutta la giornata, seguendo un ritmo circadiano. Si verifica quindi un picco durante le prime ore del mattino (verso le 3), poi un calo a livelli molto bassi nel pomeriggio. I valori normali di TSH si aggirano fra le 0,2 alle 4,2 mUI/ml di sangue.

TSH in gravidanza e aborto

Alcune ricerche hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione fra il valore di TSH e l’aborto nelle donne in gravidanza. In particolare uno studio realizzato da esperti americani e italiani ha consentito di valutare la frequenza di parti prematuri e aborti spontanei nelle donne che nel primo trimestre di gravidanza avevano un valore del TSH fra 2,5 e 5 mIU/litro.

Lo studio ha coinvolto 4.123 donne gravide con valori di TSH pari o inferiori a 5 mIU/litro. Il gruppo A era formato da donne con valori di TSH inferiori a 2,5 mIU/ litro, mentre il gruppo B era costituito da donne con livelli di TSH tra 2,5 e 5,0 mIU/litro. Si è dunque scoperto che nel gruppo B il tasso di aborti era più alto rispetto al gruppo A.

Esami gravidanza: il valore del TSH