Danza del ventre in gravidanza: benefici, rischi e consigli

La danza del ventre è un'attività fisica ottima da seguire in gravidanza, grazie a molti benefici e pochissimi rischi

Da qualche tempo gli esperti indicano la danza del ventre come una delle attività più indicate durante la gravidanza. Il movimento di questa disciplina infatti è considerato il più naturale da compiere durante la gestazione. Nel corso dei nove mesi infatti il corpo della donna si trasforma e si verificano alcuni mutamenti particolarmente favorevoli per praticare questo sport. Gli ormoni rendono le articolazioni e i muscoli più flessibili, facilitando i movimenti ondulatori e rotatori.

Non solo: in questo periodo la danza del ventre può essere preziosa per aiutare la donna a ritrovare il contatto con il proprio corpo, scoprendone i cambiamenti e imparando a interiorizzare l’attesa, creando un legame profondo con il bambino. Non a caso viene consigliata soprattutto alle donne particolarmente sotto stress e ansiose, che vogliono ritrovare un certo equilibrio.

La danza del ventre in gravidanza

La danza del ventre non presenta nessuna controindicazione, soprattutto se la gravidanza non ha problemi. Questo perché i movimenti non sono forzati, ma fluidi e morbidi. I medici consigliano di iniziare questa attività a partire dal primo trimestre, quando il corpo della futura mamma ha già subito grandi cambiamenti. Si può iniziare anche senza aver mai fatto nulla e continuare sino a pochi giorni dal parto. Non solo: gli esperti affermano che la danza del ventre è positiva anche dopo il parto, per tornare in forma e allontanare lo stress. In questo caso la mamma potrà praticare questa attività dopo un mese dalla nascita del bambino se il parto è stato naturale, mentre dopo tre mesi se c’è stato un cesareo.

Se la gravidanza prosegue in modo fisiologico, la danza del ventre non presenta alcuna controindicazione perché non ci sono forzature nei movimenti. È preferibile, però, lasciar passare il primo trimestre, che è quello dell’adattamento del corpo alla gravidanza, dopodiché, se la donna lo desidera, può continuare anche fino alle ultime settimane e riprendere già un mese dopo, se ha partorito per vie naturali, o tre mesi dopo, se ha avuto un cesareo.

I benefici della danza del ventre

I benefici della danza del ventre sono molteplici:

  • fortifica i muscoli
  • fa bene alla circolazione stimolando il ritorno venoso
  • rende la colonna vertebrale più mobile
  • contrasta mal di schiena e lordosi
  • allontana lo stress e le ansie
Danza del ventre in gravidanza: benefici, rischi e consigli
Danza del ventre in gravidanza: benefici, rischi e consigli