Tim Robbins, attore: biografia e curiosità

Tim Robbins è considerato uno degli uomini più sexy del cinema, ecco alcune informazioni utili su questo noto personaggio del grande schermo

Tim Robbins ha riscosso un enorme successo all’interno del panorama cinematografico. Questo personaggio ha svolto, infatti, tantissimi ruoli, tra cui produttore, regista, sceneggiatore ed anche compositore. A non passare inosservato è stato anche il suo incredibile fascino e la sua distinta personalità, particolarmente sensibile ed allo stesso tempo intelligente. Grazie a tutte queste spiccate doti, Tim Robbins è stato considerato un vero e proprio sex symbol del cinema dalla rivista Empire Magazine. Non solo, questo personaggio è una delle star più importanti di Hollywood. Il suo successo lo ha portato a raggiungere numerosi traguardi nel corso della sua carriera. Infatti, nel 2004 ha vinto la nomination come Miglior Attore non Protagonista, grazie alla straordinaria pellicola “Mystic River” al fianco di Kevin Bacon che ha lasciato un vero e proprio segno per gli amanti del grande schermo. Si tratta di un film di genere thriller particolarmente importante, dove Tim Robbins è stato in grado di ricoprire un ruolo davvero toccante. L’attore recita perfettamente la parte di un personaggio piuttosto tormentato, riuscendo a dar vita ad un perfetto mix di personalità differenti. E’ proprio quest’ultima dote ad aver sempre caratterizzato il grande successo e talento dell’attore.

Tim Robbins è un vero e proprio genio nel recitare la parte dell’ingenuo dalla personalità piuttosto ambigua. Proprio questa dote lo ha portato a ricevere vari Oscar. L’attore è nato a West Covina ed è l’ultimo di quattro figli. Suo padre era un noto cantante folk, mentre la madre svolgeva il mestiere di impiegata. Quando era ancora molto piccolo, la sua famiglia andò a vivere a “Greenwich Village” della Grande Mela. E’ proprio grazie al padre che il piccolo Tim inizia ad avvicinarsi al mondo della musica per poi scoprire pian piano la sua passione per il mondo del cinema. Più tardi, inizia a frequentare la scuola di arte drammatica alla “Stuyvesant High School”. Una curiosità relativa alla sua adolescenza è che l’attore fu espulso dalla squadra di hockey per aver provocato una grave lite. Una volta ottenuto il diploma, Tim Robbins si dedica agli studi della State University di Plattsburgh, ma ci rimane per poco tempo, poiché decide di cambiare i suoi progetti e andare a vivere a Los Angeles. E’ proprio qui che si iscrive alla UCLA ed inizia a svolgere il mestiere di cameriere per mantenersi gli studi.

Tuttavia, il giovane Tim non ha mai abbandonato la sua passione per il softball ed entra a far parte del team dell’università. Dopodiché, conclusi gli studi, si laurea nell’anno 1981. Allo stesso modo, il giovane Tim non ha mai trascurato la sua forte passione per il cinema e dopo la laurea decide di formare una banda con degli amici, chiamata “Actor’s Gang”. E’ proprio qui che Tim inizia a spiccare grazie alle sue doti di regista in ambito teatrale. Inoltre questo gruppo di recitazione si distingueva per la loro unione davvero carismatica. In seguito a questo piccolo debutto, Tim Robbins inizia ad ottenere alcune parti in produzioni televisive, come ad esempio “A cuore aperto” e “Santa Barbara”. Successivamente, nell’anno 1988, grazie alle sue spiccate doti di regista, Tim Robbins gira “Bull Durham – Un gioco a tre mani”. Durante questo periodo della sua vita l’attore incontra la sua anima gemella, ovvero Susan Sarandon della quale si innamora perdutamente. Nello stesso anno, infatti, la coppia decide di sposarsi, dando alla luce i loro due figli di nome Jack Henry e Miles Guthrie.

Ma verso la fine dell’anno 2009 la loro relazione inizia a perdere colpi e i due annunciano la loro separazione attraverso un comunicato stampa. Intanto, la carriera dell’attore continua a raggiungere tantissima notorietà, tanto che nel 1992 vince un Golden Globe grazie alla pellicola “I Protagonisti”. Non solo, il regista ottiene anche un premio speciale al Festival di Cannes. Questo prestigioso successo lo avvicina tantissimo a Robert Altman tanto che i due danno vita ad ulteriori capolavori come “America Oggi” e “Prêt-à-Porter”. Nell’anno successivo invece, ha collaborato come presentatore per la il Festival degli Oscar con la moglie, mettendo in risalto il problema dei tantissimi haitiani affetti da AIDS che si trovano all’interno della base americana di Cuba. Nel 1995 Tim Robbins realizza una struggente opera, ovvero ” Dead man walking – Condannato a morte”. Questo capolavoro vuole mettere in risalto un vero e proprio giudizio sfavorevole verso la pena di morte, mettendo anche in evidenza il forte impegno dell’attore in ambito politico. E’ proprio grazie a questa opera che Tim Robbins raggiunge l’apice del successo, ottenendo la nomination di Miglior Regia, mentre la moglie ha vinto il premio come Migliore Attrice protagonista. Tim Robbins è un accanito tifoso della squadra di hockey sul ghiaccio di New York.

Tim Robbins, attore: biografia e curiosità