Saldi 2016: il decalogo antitruffa

Saldi estivi 2016: per evitare le truffe messe in atto dai commercianti, il Codacons e la Federconsumatori, le associazioni che si occupano della tutela dei consumatori, hanno stilato un decalogo contro i furbetti

Come evitare le truffe durante i saldi estivi 2016? L’arrivo dei saldi è uno dei momenti più attesi di tutto l’anno per acquistare prodotti di marca con sconti che arrivano fino al 70%. Secondo il calendario dei saldi estivi, gli sconti partono per tutte le regioni da sabato 2 luglio, ad eccezione della Sicilia che ha anticipato l’inizio di un giorno. In tutte le regioni, i saldi estivi dureranno per un minimo di 5 settimane. Nella frenesia dello shopping, non bisogna mai dimenticare che durante questo periodo sono molte le truffe messe in atto dai commercianti per sbarazzarsi dei vecchi scarti di magazzino.

Come ogni anno, la Federconsumatori ha stilato un vademecum con delle regole antitruffa, valido sia nei negozi fisici che nei negozi online. La famosa associazione senza scopo di lucro ha come obiettivo l’informazione e la tutela dei consumatori. Vediamo insieme quali semplici trucchi seguire per non rimanere truffati durante i saldi estivi 2016. In primo luogo vi consigliamo di conservare sempre lo scontrino, in quanto la merce in saldo, al contrario di quello che vogliono far credere i commercianti, può essere sempre sostituita.

Qualora il cambio del prodotto non fosse possibile perché l’articolo è terminato, il consumatore deve ricevere un buono di pari importo oppure la restituzione del denaro. Il secondo consiglio riguarda i prezzi esposti; per essere sicuri di acquistare prodotti con sconti notevoli, vi consigliamo di tenere d’occhio gli articoli qualche giorno prima dell’inizio dei saldi e controllare il prezzo pieno. Ricordatevi che la legge prevede che su ogni cartellino deve essere segnalato il prezzo prima dei saldi, la percentuale di sconto che viene applicata sul prodotto e il prezzo finale dell’articolo.

Un’altra cosa a cui è bene prestare attenzione, è l’integrità del capo; infatti, a volte i commercianti mettono in vendita dei prodotti con sconti fino all’80% perché difettosi. Prima di acquistare, controllate che i capi non siano rovinati. Inoltre, è bene sapere che gli sconti vanno applicati sui capi della stagione corrente e non sulle vecchie rimanenze di magazzino. Per essere sicuri che l’articolo che volete acquistare sia veramente della stagione attuale, vi consigliamo di consultare qualche blog di moda. Infine, tenete a mente che i negozi sono obbligati ad accettare qualsiasi metodo di pagamento preferito dal cliente, sia contanti, carta di credito o bancomat .

Saldi 2016: il decalogo antitruffa