Roberto Benigni, attore: biografia e curiosità

Roberto Benigni è uno dei personaggi pubblici tra i più popolari e apprezzati in Italia e nel mondo. Scopriamo qualcosa in più sulla vita professionale e privata di questo attore

Roberto Benigni è nato il 27 ottobre 1952 a Castiglion Fiorentino, piccolo comune della provincia di Arezzo, da una famiglia di contadini. Si diploma in ragioneria, ma la sua passione per lo spettacolo prende il sopravvento, iniziando prima come cantante e musicista e proseguendo poi come attore di teatro. La svolta professionale di Roberto Benigni arriva nel 1975, quando incontra il famoso regista e sceneggiatore Giuseppe Bertolucci. Questo lo fa debuttare prima in televisione, come presentatore del programma satirico di Rai Due “Onda Libera”, e poi al cinema, nel film “Berlinguer ti voglio bene”. Nel 1983, durante un comizio del PCI, passa alla storia la scena di Benigni che prende letteralmente in braccio il leader comunista Enrico Berlinguer, uno dei politici più seri del panorama politico italiano dell’epoca. Nel 1980, insieme a Claudio Cecchetto e Olimpia Carlisi, conduce il 30esimo Festival di Sanremo. Nel 1983 porterà nelle piazze e nei teatri di tutta Italia lo spettacolo di cabaret “Tuttobenigni”, dimostrando così di essere anche un perfetto one-man show. Nello stesso anno debutta dietro la macchina da presa come regista, con la commedia “Tu mi turbi”. L’anno successivo sbanca il botteghino con la pellicola “Non ci resta che piangere”, girata insieme all’amico Massimo Troisi.

Nella seconda metà degli anni Ottanta Roberto Benigni approda negli Stati Uniti d’America, dove recita in quattro pellicole, tra cui “Il figlio della Pantera Rosa”, famoso film dove interpreta il ruolo del figlio dell’ispettore Clouseau. Nel 1991 fonda, insieme alla moglie Nicoletta Braschi, la casa di produzione “Melampo Cinematografica”. Negli anni Novanta usciranno tre dei maggiori successi cinematografici dell’attore toscano: Il piccolo diavolo, Johnny Stecchino, Il mostro. Tutti film comici, ma che trattano tematiche scottanti e inerenti ai fatti del periodo, come le stragi mafiose e i macabri delitti del Mostro di Firenze. La consacrazione internazionale arriva nel 1997 con “La vita è bella”, film che racconta gli orrori dell’olocausto con un approccio diverso da tutte le altre pellicole del genere, affrontando un argomento così delicato anche attraverso l’ironia, alternando tratti di dramma e di commedia. Il film si aggiudica tantissimi premi e riconoscimenti in tutto il mondo, tra cui nove David di Donatello, cinque Nastri d’Argento, un BAFTA, un SAG Awards e tre Premi Oscar (miglior colonna sonora, miglior film straniero, miglior attore protagonista). Passata alla storia la scena della premiazione di Benigni come miglior attore protagonista da parte di Sophia Loren alla notte degli Oscar.

Nel 2002 Roberto punta a fare il bis di successi con “Pinocchio”, fedele riproduzione cinematografica del romanzo di Carlo Collodi. Purtroppo però, il film più costoso della storia del cinema italiano si rivela un autentico flop mondiale, venendo addirittura inserito nella lista dei peggiori film degli anni Duemila. Ci riprova nel 2005 con “La tigre e la neve”, ma anche questa pellicola viene bocciata dalla critica nazionale e internazionale. Decide così di abbandonare per un po’ il cinema per tornare al teatro, dove si dedica alla lettura dei canti della Divina Commedia. Lo spettacolo, inizialmente proposto in piazza Santa Croce a Firenze, riscuote un enorme successo, tanto da essere portato poi in giro per l’Italia e venendo trasmesso anche in televisione, da Rai Uno. Nel 2009 il tour “Tutto Dante” è divenuto mondiale, venendo rappresentato in giro per l’Europa, negli Stati Uniti d’America, in Canada e in Sud America. Il ritorno alla recitazione cinematografica avviene nel 2012, nella commedia di Woody Allen “To Rome with love”. Nello stesso anno conduce su Rai Uno “La più bella del mondo”, varietà che ha lo scopo di spiegare con semplicità i dodici principi fondamentali della Costituzione italiana. A fine 2014 è ancora in TV con uno spettacolo incentrato sui dieci comandamenti.

Al momento Roberto Benigni è impegnato nella scrittura del soggetto del suo nuovo film, ad undici anni di distanza dal suo ultimo lavoro da regista e sceneggiatore. L’attore toscano è ricco di ammiratori e detrattori, dato che i suoi film, le sue apparizioni televisive e i suoi monologhi su temi scottanti hanno spesso diviso critica e pubblico. Nelle vesti di cantante ha pubblicato otto album musicali, da attore cinematografico ha recitato in ventotto film ed ha diretto otto pellicole. Nel 2003 Benigni ha ricevuto la Medaglia d’oro ai benemeriti della cultura e dell’arte e nel 2005 è stato insignito del titolo di Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Nel 2007 è stato candidato al Premio Nobel per la letteratura per l’impegno profuso nella diffusione della Divina Commedia. Gli sono state conferite anche un grande numero di Lauree Honoris Causa dalle principali Università italiane. Nella vita privata è sposato dal 1991 con l’attrice Nicoletta Braschi, conosciuta sul set del primo film da lui diretto “Tu mi turbi”. Ecco quindi chi è Roberto Benigni, uno degli attori italiani più famosi e apprezzati nel mondo.

Roberto Benigni, attore: biografia e curiosità