Paolo Conte, cantante: biografia e curiosità

Paolo Conte è uno dei più rinomati cantanti italiani. La sua lunga ed intensa carriera artistica vanta importanti collaborazioni, nonché numerosi riconoscimenti

Paolo Conte nasce il 6 gennaio 1937 ad Asti. Si tratta di un noto cantautore italiano, riconosciuto anche per il suo ruolo di pittore e polistrumentista. Durante il corso della sua carriera professionale, Conte è stato anche avvocato. Il suo approccio con la musica lo ha visto impegnato nel ruolo di pianista, specializzato precisamente nel genere jazz. Paolo Conte è stato classificato come uno dei più grandi cantanti italiani. Ha svolto la mansione di avvocato durante il corso della sua lunga carriera e allo stesso tempo si è dedicato al mondo della musica. Il cantante ha prodotto anche varie composizioni per altri musicisti grazie alle quali ha lavorato al fianco di artisti di grande fama. Tuttavia, verso la metà degli anni settanta, Conti ha deciso di abbandonare la sua attività per dedicarsi alla musica a tempo pieno. Il suo successo lo ha portato ad essere un grosso punto di riferimento anche per il grande pubblico francese. Il cantautore si è dedicato spesso a vari ambiti spiccando così per la sua particolare versatilità. Ha ricevuto una “Laurea honoris” in Pittura ed ha vinto vari riconoscimenti tra cui 6 Targhe ed un “Premio Tenco”. E’ stato anche vincitore del “Premio Chiara” per la categoria “Le parole della musica”.

Il padre dell’artista svolgeva la mansione di notaio e nutriva un forte interesse per la musica, mentre la madre era originaria di una famiglia che possedeva vari terreni. Conte ha trascorso la sua infanzia presso la fattoria dei nonni durante il periodo della guerra. Grazie alla forte passione dei genitori per la musica, il piccolo Paolo inizia così a studiare il pianoforte e ad interessarsi al jazz. Il suo amore per questo genere cresce sempre di più fino a diventare un vero e proprio punto di riferimento nella vita dell’artista. Conte si è diplomato al Liceo Classico, dopodiché ha conseguito il suo percorso di studi presso la facoltà di Giurisprudenza. In seguito ha trovato la sua prima occupazione come assistente in uno studio. Allo stesso tempo ha continuato a dedicarsi allo studio della musica. Si cimenta anche nello studio del vibrafono e del trombone. Grazie a queste nuove esperienze musicali, diventa membro di alcune band locali e si esibisce in alcuni spettacoli in numerosi locali. Paolo Conte inizia a farsi conoscere e a spiccare per le sue straordinarie doti artistiche. Entra anche a far parte di alcuni festival locali grazie ai quali ottiene la prima notorietà. Verso i primi anni sessanta, il cantautore forma con il fratello la sua nuova band, chiamata il “Paul Conte Quartet”.

Questa formazione permette al musicista di avvicinarsi al mondo discografico con la realizzazione dell’album “The Italian Way to Swing”, ispirato al genere jazz. Tuttavia, questa prima produzione non ottiene ottimi risultati. Paolo Conte si dedica quindi alla scrittura dei suoi primi brani, ispirandosi alla letteratura e al cinema. Il suo debutto nel mondo della musica lo vede prevalentemente impegnato nel ruolo di autore; l’artista si dedica alla realizzazione di numerose composizioni ed arrangiamenti per altri artisti. In particolare, ha collaborato anche con Adriano Celentano per la famosa canzone “Chi era lui”. I due artisti continuano a collaborare, dopodiché Paolo Conte intraprende una nuova collaborazione con Vito Pallavicini, con il quale lavorerà per tutti gli anni successivi. Verso la metà degli gli anni settanta l’artista pensa di allontanarsi dal mondo della musica per dedicarsi esclusivamente al suo lavoro di avvocato. E’ proprio il produttore “Italo Greco” ad incitare Paolo Conte ad intraprendere la carriera di cantautore. La svolta avviene quando l’artista realizza il suo primo disco intitolato “Paolo Conte”. L’album non ottiene il successo desiderato, ma nonostante ciò alcuni brani resteranno nella storia della musica; tra questi si trovano “Una giornata al mare” e in particolare “Onda su onda”. Paolo Conte è noto per la sua personalità fortemente riservata.

Tuttavia, grazie alla musica e alle sue esibizioni, l’artista riesce a contrastare questi lati del suo carattere. Verso la fine degli anni settanta ha partecipato al programma televisivo di “Lucio Dalla”, intitolato “Il futuro dell’automobile e altre storie” in qualità di pianista, cantando al contempo la famosa “Onda su onda”. Il suo ultimo progetto risale al 2016 e si intitola “Amazing game”. Nonostante la sua età avanzata, l’artista non vuole affatto allontanarsi dal mondo dello spettacolo. E’ lo stesso cantautore ad ammetterlo in alcune interviste. Oltre al suo grande amore per la pittura e la musica, Paolo Conte è un personaggio rinomato anche nel mondo del cinema. Ha infatti realizzato numerose colonne sonore per alcuni film cinematografici noti a livello sia nazionale che internazionale. Durante il corso della sua lunga carriera è stato vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, tra cui un “David di Donatello” e un “Nastro d’argento“. Tra i principali riconoscimenti vi è il titolo di “Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito” della Repubblica Italiana, consegnatogli da “Oscar Luigi Scalfaro”. Per quanto riguarda la vita privata di Paolo Conte, l’artista è sposato da più di trent’anni con la sua compagna di nome “Egle”, incontrata verso la metà degli anni settanta. La coppia non ha avuto figli. Il fratello di Paolo Conte, di nome Giorgio, è un famoso cantante e musicista di successo. La canzone di Conte intitolata “Santo Antonio Santo Francisco” fu presentata al Festival di Sanremo nel 1971 ma non venne classificata per la finale.

Paolo Conte, cantante: biografia e curiosità