Michele Cucuzza, giornalista: biografia e curiosità

Michele Cucuzza è stato un personaggio importante all'interno di vari programmi televisivi italiani, ecco alcune curiosità ed informazioni sulla sua vita

Michele Cucuzza è nato il 14 novembre 1952 a Catania. Si tratta di un personaggio particolarmente apprezzato da tutto il pubblico italiano in quanto ha svolto vari ruoli sia in ambito televisivo che radiofonico. Michele Cucuzza è stato infatti sia un conduttore televisivo che radiofonico, ma è noto per essere anche un importante giornalista. Il padre Salvatore Cucuzza Silvestri è stato un docente di Università e vulcanologo. Michele, dopo essersi laureato in Lettere moderne, ha intrapreso la sua carriera nel mondo del giornalismo nel quotidiano della regione Sicilia. Durante la sua carriera da giornalista si è occupato prevalentemente di tematiche sociali. Nel 1973 è andato a vivere a Milano ed ha iniziato a lavorare con il quotidiano Il Giorno, collaborando allo stesso tempo anche con l’ufficio stampa appartenente al sindacato UIL. Nell’anno 1976, Michele Cucuzza inizia così ad ottenere notorietà anche nell’ambito radiofonico in quanto fonda con altri colleghi Radio Popolare. La carriera del giornalista ottiene degli esiti particolarmente positivi che lo hanno portato a lavorare con la Rai a Milano nel 1983. Viene infatti assunto nel ruolo di redattore.

Questa importante esperienza lo porta a dar vita a numerosi progetti tra cui vari collegamenti e servizi per le numerose testate appartenenti sia all’ambito radiofonico che televisivo. Inoltre, sempre in quel periodo, Michele Cucuzza si è anche occupato dei principali eventi di cronaca di quei tempi. Il suo impiego lo ha visto impegnato anche nelle vicende di terrorismo, dell’alluvione in Valtellina, nel caso Tortora ed i funerali della principessa Diana. Successivamente, nell’anno 1988, Michele Cucuzza viene chiamato per lavorare a Roma e viene assunto come conduttore del Tg2. In seguito a questa svolta lavorativa relativa alla sua carriera viene mandato all’estero. Durante questa importante esperienza, Cucuzza ottiene sempre maggiore notorietà per quanto riguarda la sua professione, poiché inizia a realizzare vari collegamenti e servizi, nonché speciali da vari paesi come Repubblica Ceca, Francia, Unghieria, Polonia, India e Stati Uniti. Il suo percorso lavorativo lo vede impegnato nelle principali vicende ed avvenimenti sociali e politici dell’epoca. Il giornalista svolge il ruolo di conduttore del Tg2 fino all’anno 1998. Inoltre, negli anni precedenti è stato anche conduttore per un anno del Festival musicale Premio città di Recanati.

Al termine della sua esperienza lavorativa al Tg2, viene assunto sempre nella Rai come conduttore della trasmissione La vita in diretta mandato in onda su Rai 2 per poi passare su Rai 1. Cucuzza conduce il programma per ben dieci anni, dal 1998 al 2008. Ha anche partecipato alla trasmissione la Posta del Cuore mandata in onda su Rai 2 al fianco di Sabina Guzzanti. Michele Cucuzza ha interpretato il ruolo di un telegiornalista affranto in seguito alla rottura della relazione con la sua fidanzata mentre nell’anno 1999 ha raggiunto l’apice del successo dopo aver svolto il ruolo di conduttore del programma Segreti e bugie insieme a Katia Ricciarelli. L’autrice di tale trasmissione è Raffaella Carrà. Michele Cucuzza è stato anche un importante punto di riferimento per quanto riguarda la ricerca e gli studi sul cancro. Nell’anno 2003 ha promosso l’Onlus Attive e l’Istituto Oncologico Romagnolo di Rimini. Durante la sua carriera ha svolto anche il ruolo di doppiatore di numerosi brani di un telegiornale per la famosa pellicola di animazione Gli incredibili della Pixar. Inoltre dal 2008 è stato conduttore del programma Uno Mattina mandato in onda su Rai 1 mentre negli anni successivi si è dedicato all’ambito radiofonico divenendo conduttore del rotocalcio di attualità Radio2 Days al fianco di Chiara Gallonardo.

Nel 2011 Cucuzza diventa conduttore di Legalitàlia, movimento ideato dalla Fondazione Scopelliti per promuovere la lotta contro la mafia. Nel 2013 viene assunto come conduttore del programma Rosso di sera e per breve tempo ha anche condotto la trasmissione televisiva Mission mandata in onda su Rai 1 in prima serata. In ambito giornalistico ha collaborato con il Corriere dell’Umbria e ha realizzato varie interviste su Diva&Donna. Di recente è stato conduttore di Manuale d’Europa, programma trasmesso su Rai Radio 1 ogni sabato e domenica mattina. Il conduttore ha due figlie di nome Carlotta e Matilde, avute da due donne diverse. La primogenita è nata dalla relazione con una giornalista francese mentre la seconda figlia è nata dall’unione con una collega conosciuta in ambito televisivo. Il giornalista ha voluto mettere più volte in risalto l’amore per le sue figlie e lo straordinario rapporto che è riuscito ad instaurare con loro. Si reputa un padre fortemente premuroso e particolarmente accorto ad ogni esigenza delle sue giovani ragazze nonostante siano nate da due relazioni diverse. Pare infatti che la figlia avuta dalla relazione con la giornalista francese abbia imparato perfettamente l’italiano grazie alla sorella con la quale ha mantenuto uno splendido rapporto nel corso degli anni.

Michele Cucuzza, giornalista: biografia e curiosità