“La Verità, vi spiego, sull’Amore”: il trailer del nuovo film con Ambra

Dal libro omonimo, una commedia ironica che sdrammatizza la fine di un amore (anche con figli) dove la sofferenza viene combattuta a suon di umorismo e cinismo

Ispirata al libro omonimo di Enrica Tesio e al blog di successo TiAsmo, una commedia divertente ed emozionante sulle infinite sfumature dell’Amore. Una commedia pop che affronta temi importanti con poesia, tenerezza e ironia. Soprattutto, un film per tutti quelli che hanno a che fare con l’amore e i suoi sgambetti.

Dove una donna, Dora (Ambra Angiolini) viene improvvisamente lasciata dal compagno (Massimo Poggio) dopo 7 anni di relazione e due figli piccoli. E si trova a dover affrontare la complicata routine quotidiana, da sola, insieme a tutto il fardello di sensi di colpa e di fallimento che una separazione di quel tipo comporta.

Una situazione che molti di noi conoscono, in prima o per interposta persona. Ma che nel caso di Dora (anzi, di Enrica Tesio, visto che il suo libro è autobiografico) viene combattuta non con depressione o senso di fallimento, bensì in maniera costruttiva: a suon di grinta, cinismo e umorismo. Chiave per affrontare e vincere ogni sofferenza.

Dice il regista del film, girato a Torino, Max Croci:

“La verità, vi spiego, sull’amore” è un film che, come potete ben immaginare, parla dell’Amore. Una delle parole più usate al mondo ma troppo spesso utilizzata in maniera superficiale o addirittura detta a caso o con leggerezza. Il suo punto di vista è infatti fortemente ironico, non è la “cronaca di un disamore” raccontata con il cuore lacerato, ma una presa di coscienza dove la sofferenza viene combattuta con la grinta e il cinismo di una donna che non cede.

“La verità, vi spiego, sull’amore” non ci rivoluzionerà la vita, ma ci darà modo di pensare un po’ più a fondo sul rapporto di coppia, sull’amore verso i figli, sull’evoluzione che può portare una storia ad una frattura, sul fatto che spesso nessuno dei due amati ha colpe, ma a volte l’amore come viene se ne va. Così per una coppia che si scioglie una si forma. Come il titolo di un film di Blake Edwards, “That’s Life”…

Aggiunge l’autrice del libro Enrica Tesio:

Quando ho aperto il blog, dopo la separazione, in molti hanno parlato di “scrittura terapeutica“. Poi è venuto il romanzo e alla fine il film. Non so se ha funzionato ma certamente è stata la terapia più lunga e intensa della storia moderna. Roba che avrebbe rimesso in sesto anche l’indiano del Nido del cuculo. Quello che ho capito è che se qualcuno ti ha piantata la cosa migliore che puoi fare è dare frutti, trasformare qualcosa di potenzialmente deprimente in un’esperienza piena. Essere lasciati, soprattutto con dei figli piccoli, acuisce i sensi: quello di inadeguatezza, di abbandono, di colpa, ma se sei un po’ fortunato anche quello dell’umorismo. Io quel senso dell’umorismo l’ho ritrovato in tutte le persone che hanno lavorato a questo film. Persone che condividono con me un romanticismo un po’ cialtrone, quel “ridere nel pianto”.

Per festeggiare il primo ciak sono uscita dall’ufficio, ho comprato del gelato, sono tornata a casa e ho detto a Marta e Lorenzo: «Bimbi, lo sapete che stanno girando il film dal libro di mamma?». Mi hanno guardato perplessi e il più grande ha risposto: «Vabbè, anche papà ci fa sempre i film con l’iPhone». Vorrà dire che punteremo tutto sul pubblico, la critica a quanto pare si è già espressa

 

“La Verità, vi spiego, sull’Amore”: il trailer del nuov...