Fabri Fibra, cantante: biografia e curiosità

Fabri Fibra è uno dei rapper più rinomati ed apprezzati all'interno del panorama musicale italiano, ecco alcune informazioni relative alla sua vita e al successo

Fabri Fibra è lo pseudonimo di Fabrizio Tarducci. Questo famoso rapper italiano è nato a Senigallia nel 1976. Già da piccolo, Fabrizio scopre la sua forte passione per la musica tanto da incidere il suo primo brano alla sola età di 17 anni. La sua dote principale in ambito artistico è proprio quella di riuscire a variare le tonalità della voce. Si tratta di una caratteristica che spicca particolarmente nell’album “Mr. Simpatia” oppure nelle canzoni di genere freestyle. Fabri Fibra è uno dei rapper del momento e il suo primo approccio con la musica avviene nell’anno 1995, in seguito alla registrazione del suo primo demo. Successivamente collabora con il DJ Lato, con il quale realizza dei nuovi brani. In seguito, si unisce anche l’MC Shezan Il Ragio ed il gruppo decide di chiamarsi “Custodi del Tempo”. Fabri Fibra è stato sempre considerato un giovane disadattato a causa della sua infanzia piena di difficoltà. E’ possibile, infatti, avvertire del rancore che il rapper esprime in molti dei suoi brani. Non solo, a spiccare sono anche i suoi comportamenti piuttosto bruschi. Tuttavia, il cantante si è sempre definito un personaggio normale che ama esprimere se stesso ed affrontare temi importanti attraverso la musica per mettere in risalto i vari aspetti della vita.

Fabri Fibra, infatti, ama creare dei veri e propri personaggi attraverso i quali esprimere nei brani tutti i suoi pensieri in totale libertà. La sua infanzia è stata segnata da un periodo piuttosto difficile, ovvero il divorzio dei suoi genitori durante le scuole medie. Nonostante ciò, Fabri Fibra ha continuato gli studi fino alle scuole superiori che ha concluso con il minimo dei voti. Dopodiché ha svolto saltuariamente dei lavoretti di vario tipo. Dopo aver inciso il disco “Mr. Simpatia” e aver ottenuto un contratto per entrare in major, Fabri va a vivere in un appartamento a Milano insieme ad altri due coinquilini. Il rapper ha accennato apertamente in un’intervista di questo periodo della sua vita, dove non ha mai confidato a nessuno le sue aspettative musicali per il timore di essere considerato un illuso. Tuttavia, il cantante non ha mai smesso di inseguire i suoi obiettivi ed ha sempre continuato a scrivere le rime. Per quanto riguarda la sua vita sentimentale non si hanno molte informazioni, in quanto ha affermato di non amare il gossip. Inoltre, da molti suoi brani è possibile captare delle ulteriori curiosità relative alla sua infanzia. Anche se non si hanno delle conferme in merito, sembra che Fabri Fibra da bambino sia quasi annegato. E’ possibile dedurlo da alcune frasi che caratterizzano i suoi testi. Dopo aver ottenuto il primo successo, il rapper inizia ad esibirsi attraverso dei concerti dal vivo in tutta Italia ed inizia a collaborare in vari album di numerosi artisti italiani come ad esempio “In Teoria” dei Sottotono.

E’ così che pian piano Fabri Fibra raggiunge l’apice del successo nella scena rap. Ma non solo, il cantante ha riscosso notorietà anche grazie ai suoi spettacoli di freestyle. In seguito il cantante incide il suo primo disco da solista, ovvero “Turbe Giovanili”. Le musiche e le rime di questo capolavoro sono state riprodotte da Neffa. L’anno successivo viene pubblicato “Lato & Fabri Fibra”. In particolare, l’album “Turbe Giovanili” non è passato affatto inosservato per quanto riguarda i suoi contenuti. I brani, infatti, fanno riferimento alle difficoltà della società moderna, dove le persone fanno più fatica ad instaurare un rapporto e socializzare fra loro. Precisamente, l’album è stato prodotto interamente dal cantante Neffa. “Mr. Simpatia” invece, è stato pubblicato nell’anno 2004 ed è il secondo album solista di Fabri Fibra. E’ composto da 18 brani cantati dal rapper. A non passare inosservata è stata anche l’ironia dell’immagine di copertina la quale ritrae il cantante che si è sparato con un colpo alla testa sul computer del suo studio. Si tratta quindi di una vera e propria immagine sarcastica che vuole mettere in risalto tutte le difficoltà che bisogna affrontare nel corso della vita.

Inoltre, l’album mette in evidenza le varie decisioni che si devono affrontare, sottolineando tutto il rancore e l’amarezza per la scena rap, da cui emerge anche una delusione verso la società. Non mancano dei riferimenti alle storie d’amore e alla situazione lavorativa. I testi quindi risultano piuttosto pesanti e spinti, poiché Fabri Fibra non si è mai tirato indietro ed ha sempre voluto esprimere fino infondo tutto il suo risentimento e la sua rabbia nei confronti delle difficoltà odierne, esattamente come i rapper altrettanto apprezzati Fedez e J-Ax. Nonostante ciò, è stato proprio questo aspetto a rendere i suoi album dei perfetti capolavori. Ad esempio alcuni brani come “Niente male” sono caratterizzati da frasi piuttosto pesanti e cattive e questo ha sempre incuriosito gran parte del pubblico italiano. Il cantante ha anche affermato di fare uso di droghe ed alcuni dei suoi brani esprimono anche un pizzico di omofobia. Tutti questi aspetti continuano a far nascere numerosi dibattiti su questo famoso rapper.

Fabri Fibra, cantante: biografia e curiosità