Elisabetta II d’Inghilterra: tutto sulla Regina

La monarchia ancora oggi è vista come un tempio di fascino e tradizione, e la regina Elisabetta II d’Inghilterra ne è uno dei membri più rappresentantivi. Ma non sempre è oro tutto quel che luccica

Il casato dei reali d’Inghilterra è uno dei più antichi e attualmente più discussi. Migliaia di articoli sono stati scritti sulla principessa Diana e la sua terribile morte, sul principe Carlo e sul suo amore per lady Camilla , sulle nozze fiabesche del principe William . In tutto questo la regina Elisabetta II d’Inghilterra (nata a Londra il 21 aprile 1926) spesso ha avuto un ruolo come di sottofondo. Molto attenta alla sua privacy ha tentato sempre di tutelare la sua riservatezza al punto da arrivare ad uno scontro aperto con lady Diana verso la quale nutriva una malcelata disapprovazione per aver diffuso fatti privati e aver minato le fondamenta della democrazia. A volte può essere sembrata dura con l’ex nuora, col figlio, coi nipoti, ma la regina ha un ruolo fondamentale da rispettare e su di lei pesa il carico della più vasta monarchia mondiale che vanta una sudditanza di circa 125 milioni di persone. Questo perché pochi ricordano che, oltre ad essere regina d’Inghilterra, Elisabetta II è anche regina d’Australia e di tutte le altre dipendenze britanniche sparse in ogni continente e retaggio dell’immenso impero coloniale che fu l’Inghilterra.

Il regno di Elisabetta non è solo il più longevo che la storia d’Inghilterra abbia mai visto ma è anche uno dei più lunghi in assoluto in tutte le monarchie mondiali. Elisabetta II fu incoronata regina alla morte del padre, re Giorgio VI, il 6 febbraio 1952. Chi pensa ad una regina cresciuta nella bambagia in realtà si sbaglia. Elisabetta era poco più che una bambina quando scoppiò la seconda guerra mondiale che coinvolse in modo significativo l’Inghilterra. Visto il reale pericolo la famiglia reale fu evacuata al castello di Windsor, residenza che pare ancora oggi essere la preferita della regina. Nel 1945, inoltre, decise di partecipare attivamente alla guerra e, dopo aver superato le reticenze paterne, si unì all’ATS, il Servizio Ausiliario Territoriale, in qualità di autista prima come subalterno e poi come comandante onorario junior.

Non c’è dubbio quindi sul senso di responsabilità della regina, la quale più volte ha messo le ragioni di stato davanti ai suoi sentimenti o a quelli dei suoi familiari. Ne sanno qualcosa Carlo , suo figlio, costretto ad un matrimonio infelice con lady Diana, ma anche sua sorella Margaret, alla quale vietò di sposare un uomo divorziato. Essendo anche capo della chiesa, oltre che della monarchia, Elisabetta II ha sempre avuto una linea tradizionale e conservatrice sia nel fronte statale sia in quello religioso. Inoltre ha anche avuto un ruolo da “promoter”. Elisabetta è il reggente che ha viaggiato più di tutti e vanta di buone relazioni coi politici britannici di ogni partito. In questi anni ha anche voluto garantire al Regno Unito una fitta rete di amicizie politiche con leader stranieri che hanno portato allo stato grandi benefici.

Elisabetta non è quindi solo una figura marginale, da osservare solo per i suoi curiosi cappellini o per l’ingerenza nella vita dei suoi familiari, ma è una stratega, una donna forte e coraggiosa che ha portato avanti un vasto regno per decenni, dando un’immagine di lenta e granitica tradizione in tempi in cui tutto corre veloce come la luce.

Elisabetta II d’Inghilterra: tutto sulla Regina