Edwige Fenech, attrice: biografia e curiosità

Edwige Fenech è un personaggio riconosciuto in ambito cinematografico. Questa grande artista è nota soprattutto per le sue numerose interpretazioni in film gialli

Edwige Fenech è nata il 24 dicembre 1948 ad Annaba, Algeria francese dell’epoca. E’ una famosa attrice e produttrice cinematografica che ha svolto anche altre attività tra cui conduttrice e stilista. A spiccare sono state proprio le sue doti artistiche nella recitazione dopo aver interpretato vari ruoli in alcune pellicole del genere giallo all’italiana. E’ anche nota per alcune parti in varie commedie sexy. Il padre è di origine maltese mentre la madre è italiana, originaria della provincia di Ragusa. Durante la sua giovinezza, la Fenech va a vivere con la madre a Nizza, in Francia. Qui intraprende il suo percorso di studi e allo stesso tempo frequenta anche alcune lezioni di danza. Il suo fascino e la sua bellezza non passano affatto inosservati tanto che viene notata mentre passeggia per la città. E’ proprio così che Edwige Fenech ottiene una piccola comparsa nella pellicola Toutes folles. Non solo, grazie alla sua raffinatezza, la donna ottiene in breve tempo uno straordinario successo e nel 1967 è vincitrice del concorso di bellezza Lady France durante il Festival di Cannes.

Raggiunto questo traguardo, la Fenech partecipa quindi a Lady Europa in qualità di rappresentante della sua nazione e si aggiudica il terzo posto. Nonostante non abbia ottenuto la vittoria, la donna viene notata da un talent scout, il quale gli offre una parte nella pellicola Samoa, regina della giungla, girato in Italia. Per ricoprire tale incarico, l’attrice e la madre decidono quindi di andare a vivere in Italia. In seguito a questa pellicola gira anche Il figlio di Aquila Nera, diretto da Guido Malatesta. Successivamente si dedica ad alcuni progetti lavorativi in Germania e rientra in Italia per collaborare a due nuove pellicole al fianco di Ciccio Ingrassia e Franco Franchi, ovvero “Don Franco e don Ciccio ” e “Satiricosissimo”, dove recita la parte dell’imperatrice Poppea. Negli anni seguenti, l’attrice ottiene delle parti in alcuni film del genere giallo, una vera e propria tendenza dell’epoca. In questo momento della sua carriera inizia a collaborare con il regista Sergio Martino con il quale lavora per il film Lo strano vizio della signora Wardh. Con quest’ultimo, Edwige Fenech diventa un vero e proprio simbolo del giallo erotico.

Nel 1972 ottiene il ruolo di protagonista del “decamerotico”, sotto la direzione di Mariano Laurenti, film diventato una perfetta icona della scena trash. A quest’ultimo si unisce Giovannona Coscialunga disonorata con onore. Da questo periodo in poi Edwige Fenech diventa una vera e propria figura rappresentativa della nota commedia sexy all’italiana, con tutte le sue sotto categorie. Tra le pellicole di maggiore successo si trovano 40 gradi all’ombra del lenzuolo, diretto da Sergio Martino e La poliziotta fa carriera con Alvaro Vitali, dove la Fenech recita la parte di una sexy poliziotta. Con La pretora, nel 1976, di Lucio Fulci, l’attrice debutta al cinema con il primo nudo integrale. Apprezzatissima dal pubblico maschile, Edwige Fenech ottiene un’enorme notorietà grazie alla quale viene considerata l’immagine sexy del grande schermo, visto il suo corpo perfetto e sinuoso unito ad una personalità particolarmente provocante e seducente che i registi amano mettere in risalto all’interno delle pellicole. Oltre ad aver suscitato un vero e proprio furore nel mondo del cinema, la Fenech ha spesso posato nuda per la rivista Playboy. Nel 2007 torna nel grande schermo quando il regista Quentin Tarantino le propone una parte in Hostel: Part II

Nel 2012 ha lavorato per la fiction La figlia del capitano, dove ha interpretato la parte di Caterina II di Russia, pellicola di cui è stata produttrice. Negli anni ottanta, la Fenech ha iniziato a partecipare anche a varie trasmissioni televisive, tra cui Bene Bravi Bis e Risatissima al fianco di Lino Banfi. E’ stata inoltre conduttrice televisiva di Sotto le Stelle e Palcoscenico Italia fino a lavorare per la trasmissione Domenica In e diventare presentatrice del Festival di Sanremo nel 1991. Anche in ambito teatrale, Edwige Fenech è stata una figura importante, soprattutto con il suo debutto avvenuto nel 1985 con il dramma D’amore si muore, al fianco di Monica Scattini e Fabrizio Bentivoglio. Il suo primo compagno è stato il produttore Luciano Martino con il quale l’attrice ha avuto una relazione durata circa 11 anni. In seguito, Fenech è stata legata a Luca Cordero di Montezemolo, con il quale ha avuto una relazione durata ben 18 anni. Nel 1971 Edwige Fenech ha avuto un figlio, chiamato Edwin. Tuttavia, la paternità di quest’ultimo non è ancora chiara, in quanto varie voci e pettegolezzi affermavano che il padre fosse l’attore Fabio Testi, con il quale la donna aveva lavorato per alcuni progetti cinematografici. Ma l’attrice ha sempre smentito questa teoria, dichiarando che si tratta unicamente di falsi pettegolezzi.

Edwige Fenech, attrice: biografia e curiosità