Clive Owen, attore: biografia e curiosità

Clive Owen è uno dei più famosi attori statunitensi. Ha avuto diversi ruoli importanti ed è riuscito a vincere numerosi premi. Scopriamo di più su questo personaggio

<p>Clive Owen è un attore britannico, nato a Coventry il 3 ottobre del 1964. Nel 2005 fu candidato all’Oscar come miglior attore protagonista. Più tardi vinse il premio Golden Globe e il premio BAFTA per il film Closer. Per la pellicola Hemingway & Gellhorn ottene una nomination al Golden Globe e trionfò agli Emmy Awards. Il suo ruolo nella serie televisiva The Knick gli assicurò la terza nomination ai Golden Globe per il ruolo di miglior attore di una serie televisiva. Nato in una famiglia come quarto di ben cinque fratelli, si appassionò quasi subito al mondo dell’arte grazie a suo padre, un cantante country di fama regionale. Tuttavia, questi abbandonò la famiglia nel 1967, quando Clive compì 3 anni d’età. Dovette così crescere con sua madre e il suo patrigno, che comunque gli sostituì il padre.

Le sue prime esperienze recitative risalgono al 1984, quando, appassionatosi del mondo della cinematografia Clive decise di frequentare la Royal Academy of Dramatic Art insieme al suo amico Ralph Finnes. Clive si diplomò con successo nel 1987, iniziando così la propria attività recitativa. Come è accaduto per molti altri attori di origine britannica, Clive dovette lavorare molto nei teatri locali. Tra le sue esperienze teatrali più famose spicca l’interpretazione di Shakespeare e una parte in “Romeo e Giulietta”. A iniziare dal 1990 Clive inizia anche ad apparire in alcune delle serie televisive divenute popolari sul territorio del Regno Unito. Il debutto nel cinema è avvenuto nel 1988, quando Clive Owen è apparso nel film Vroom. Solo un anno dopo gli fu affidata una piccola parte nella pellicola Fusi di testa 2.

Tuttavia, la svolta carrieristica di Clive Owen arrivò soltanto con il film Close My Eyes, che ottenne un discreto successo sia per quanto riguarda la critica, si per quanto concerne l’accoglimento del pubblico. Le sue apparizioni nei film vengono alternate da un continuo studio di recitazione. Crescendo professionalmente, si sviluppò anche come personalità e nel 1998 riuscì a ottenere una parte nel film Il Colpo – Analisi di una rapina, diretto da Mike Hodges. Grazie alla sua buona prova, riuscì a richiamare l’attenzione dei produttori e dei registi di Hollywood. Il primo a contattare l’esordiente stella britannica fu Robert Altman, che chiamò Clive Owen per recitare nel film Gosford Park. Nel film Clive ottenne una parte di primo rilievo dando volto al personaggio Robert Parks. Anche questo film fu un vero successo.

La carriera di Clive Owen subì quindi un rapido rialzo, tanto che nel 2001 l’attore fu protagonista dei cortometraggi targati BMW. Tra il 2001 e il 2004 svolse altre parti di grande importanza. Nel 2004 arrivò King Arthur, il film che lo fece diventare famoso ovunque sul pianeta. Nella pellicola egli vestì i panni di Re Artù e recitò al fianco dell’ormai rinomata attrice Keira Knightley. Questa interpretazione gli riservò la fama tra il pubblico, ma venne criticato dai maggiori esperti della cinematografia mondiale. Tuttavia, Clive non si deluse e nel 2005 ebbe la parte di Larry, nel film Closer diretto da Mike Nichols. Questo lavoro fu un vero successo sia per il pubblico, che per la critica. Grazie a Closer, Owen ottenne un premio BAFTA, una nomination per l’Oscar e un Golden Globe. Il tutto come miglior attore non protagonista. Quindi arrivò il turno di Sin City.

Questa pellicola, scritta da Frank Miller e Robert Rodriguez, con alcuni accorgimenti Quentin Tarantino, fu un altro successo sia per la critica, che per il pubblico. Successivamente ebbe modo di recitare insieme a Denzel Washington nel film Inside Man, dove diede voce al personaggio di Dalton Russel. Dopo Inside Man arrivò il turno di Derailed – Attenzione fatale, nel quale affiancò Jennifer Aniston. Tutti gli successi ricevuti lo portarono in seguito a vestire i panni di Walter Raleigh, un corsaro del film-storico Elizabeth: The Golden Age. In seguito interpretò anche il personaggio di Mr. Smith nel film Shoot ‘Em Up, dove fiancheggiò Monica Bellucci. Oltre ai film d’azione, però, recitò anche nelle pellicole drammatiche. È questo il caso del film Ragazzi miei, dove diede volto a un padre di famiglia rimasto vedovo.

Nel 2010 lavorò su The International, una pellicola con Julia Roberts. Tra gli ultimi lavori di Clive Owen spicca Hemingway & Gellhorn diretto da Philip Kaufman. Qui recitò insieme a Nicole Kidman. Nel 2013, invece, lavorò sulla pellicola del Blood Ties. Nel 2015 ha recitato accanto a Morgan Freeman in un altro film d’azione, Last Knight, diretto da Kazuaki Kiriya. Nella vita privata è sposato con Sarah-Jane Fenton, dalla quale ha avuto due figlie: Eve e Hannah. Inoltre, è appassionato di calcio ed è un fan sfegatato del Liverpool. Tuttavia, ha ammesso più volte di seguire anche la Serie A italiana e di fare il tifo per l’Inter. Attualmente lavora su alcune altre pellicole e si occupa di far crescere le figlie.

</p>

<p>

</p>

Clive Owen, attore: biografia e curiosità