Antonio Albanese, comico: biografia e curiosità

Scopriamo insieme la vita e le curiosità di Antonio Albanese, comico italiano impegnato anche nel mondo del cinema e teatro. Conosciuto principalmente per la sua partecipazione al programma chiamato Mai dire gol

Antonio Albanese è un comico molto famoso in Italia. La sua attività professionale coinvolge anche altri settori, infatti lui è anche un attore, uno scrittore e si diletta nel cabarè. Nasce il 10 ottobre 1964 in una cittadina situata in provincia di Lecco, ossia Olginate. I suoi genitori però non erano originari di questa zona ma di Petralia Soprana, situata in provincia di Palermo, in Sicilia . La carriera di Antonio Albanese però non inizia subito nel mondo della comicità, ma bensì nel mondo radiofonico. Infatti inizialmente era impegnato a condurre un programma negli studi radiofonici chiamati Onda Radio Olginate e anche Radio Cristal situata a Lecco. IL programma diretto da Antonio Albanese si chiamava Magic Moment, ed era incentrato principalmente sulla musica rock. Nonostante gli impegni si iscrive a una scuola di recitazione, la Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi, situata a Milano. La scuola gli insegna tutto quello che c’è da sapere sulla recitazione e nel 1991 riesce perfino ad ottenere il diploma. Nonostante questo successo però comprende che la recitazione non è la passione che vuole coltivare con tutte le sue forze.

Sarà la comicità e il suo lato comico a prendere il posto della recitazione, diventando una passione che lo accompagna fino ad oggi e in tutti gli anni di carriera. Gli viene perfino data la possibilità di esibire questo suo lato grazie a Zelig, show televisivo molto famoso nel mondo televisivo, nato però come locale di cabaret e responsabile del lancio o del successo di numerosi comici italiani molto famosi come Aldo, Giovanni e Giacomo. Questo locale è situato a Milano, e successivamente alla Zanzara d’oro, situato a Bologna. In queste due occasioni ottiene numerosi plausi e una critica positiva grazie alla sua capacità di intrattenere le persone con dei monologhi molto simpatici e divertenti di sua invenzione. Un’altra possibilità per guadagnare fama è sicuramente la partecipazione al Tg delle vacanze, trasmetto sul canale televisivo Canale 5 . Durante questo periodo lui faceva l’inviato in tutte le località di montagna previste dal programma. Ma la passione per la comicità e il cabaret non accennano a diminuire, e dopo molti impegni riesce ad ottenere la sua prima esibizione nell’ambito del cabaret grazie allo show chiamato Maurizio Costanzo Show. Qui riesce a sfruttare le sue abilità di attore cabarettista dal 1992.

Inoltre gli vien data la possibilità di esibirsi anche in un programma di varietà chiamato Su la testa!, diretto da Paolo Rossi. In questo programma Antonio Albanese interpreterà diversi personaggi di sua creazione, chiamati Alex Drastico e Epifanio. Nonostante tutto l’impegno e i successi acquisiti, la fama maggiore verrà solamente durante la partecipazione alla creazione del programma Mai dire gol, trasmesso sul canale televisivo Italia 1. Questo programma era una sorta di telecronaca in chiave comica delle partite di calcio e durò per diversi anni, dal 1990 al 2001. Qui divenne famoso per l’interpretazione di numerosi personaggi. Alcuni di essi avevano bisogno di un perfezionamento o miglioramento, mentre altri vennero inventati proprio per la trasmissione. Vennero riproposti Alex Drastico e Epifanio con l’aggiunta di Frego (un telecronista ballerino) e di altri. Finita la collaborazione nella creazione di questo show si impegna anche nel mondo del teatro e del cinema. Viaggia per tutta l’Italia grazie ai suoi impegni lavorativi fino a che non torna a vivere a Bologna con la sua famiglia. L’impegno nel mondo del cinema lo porta a fare diversi film come ad esempio La lingua del santo, Giorni e nuvole e Qualunquemente. Invece nel mondo del teatro si può dire che si è esibito anche al teatro della Scala a Milano, partecipando alla rappresentazione teatrale di uno spettacolo chiamato Personaggi. Invece nel 2013 riesce a dirigere il Don Pasquale scritto da Donizetti in un altro palcoscenico molto prestigioso, ossia il Teatro Filarmonico di Verona.

Nonostante i suoi impegni nel teatro e nel cinema il comico riesce a partecipare ad altri progetti televisivi interpretando i suoi personaggi. Infatti riesce nuovamente a collaborare con il gruppo chiamato Gialappa’s Band, con la quale aveva lavorato per anni nel programma Mai dire gol, per creare un programma simile a quello appena citato, ossia Mai dire Lunedì. In questo caso però i lavori erano diretti dal famoso Mago Forrest. All’interno di questo programma ha la possibilità di esibirsi interpretando diversi personaggi, come ad esempio Pier Peter, un grande fan di Gennaro Gattuso, centrocampista facente parte del Milan. Per un certo periodo Antonio Albanese ha collaborato anche alla produzione della trasmissione Che tempo che fa, diretta da Fabio Fazio e trasmessa sul canale televisivo Rai3. In questo programma venne chiamato ad interpretare 2 personaggi, un politico corrotto chiamato La Qualunque e anche il Ministro della Paura. Successivamente gli venne chiesto di interpretare anche altri personaggi durante la trasmissione, e alcuni di essi divennero talmente famosi da essere riproposti più volte nella trasmissione di Fazio.

Antonio Albanese, comico: biografia e curiosità