Anita Caprioli, attrice: biografia e curiosità

Anita Caprioli è una famosa attrice italiana. Nota per il suo fascino e le sue doti artistiche, ha recitato in Manuale d'Amore e in numerose pellicole italiane

Anita Caprioli è nata a Vercelli l’11 dicembre 1973. Si tratta di un personaggio molto noto all’interno del panorama cinematografico italiano grazie alle sue numerose interpretazioni. Anita scopre molto presto di nutrire un forte interesse per la recitazione e decide così di iniziare a frequentare alcuni corsi tra Roma e Milano in compagnia di Raoul Manso. Per molto tempo studia a Roma, dove si dedica allo studio di ulteriori corsi importanti. Questo grande interesse la porta a soggiornare anche a Londra dove entra a far parte di alcuni workshop diretti da Andrea Brooks. Per circa una decina d’anni (1988-1997) Anita Caprioli collabora per vari progetti teatrali tra cui La locandiera, sotto la direzione di Andrea Brooks, e Il berretto a sonagli, diretto da Andrea Taddei. Alla fine degli anni novanta arriva un’importante svolta all’interno della sua carriera: la Caprioli debutta nel cinema italiano con la pellicola Tutti giù per terra. Questo grande traguardo la porta a far parte del film Senza Movente del 1999, dove recita la parte di Rita Squeglia.

Gli anni duemila la vedono impegnata nel ruolo di Mara in Denti mentre l’anno seguente recita la parte di Ancilla nel film Vajont insieme a Michel Serrault e Daniel Auteuil. Grazie al suo innato talento e alle sue spiccate doti artistiche, Anita Caprioli diventa in breve tempo una vera e propria icona del grande schermo, particolarmente apprezzata da tutto il pubblico italiano. Ottiene sin da subito una grande notorietà fino a recitare la parte di Dolores nella pellicola Santa Maradona. Non passa inoltre inosservata la sua interpretazione nel film L’altra donna al fianco di Alessio Boni. In seguito lavora per la nota commedia Ma che colpa abbiamo noi, diretta da Carlo Verdone e nel famoso film Manuale d’amore del regista Giovanni Veronesi. L’anno 2004 la vede impegnata nel ruolo di Catherine all’interno della fiction televisiva Cime Tempestose mentre l’anno successivo ottiene il ruolo di protagonista nella pellicola Onde. Sempre nello stesso periodo si dedica alla collaborazione per un’ulteriore serie televisiva, ovvero Sacco e Vanzetti, dove recita in due soli episodi.

Nel 2006 avviene una vera e propria svolta quando ottiene il ruolo di protagonista per la rinomata pellicola di successo Per non dimenticarti, diretta da Mariantonia Avati. Recita lo stesso ruolo anche nel film Uno su due. In seguito, non mancano le pellicole Non pensarci, presentata alla Mostra di Venezia e I demoni di San Pietroburgo. Nell’anno 2008 è impegnata al fianco di Claudio Bisio nella pellicola Si può fare. Tre anni dopo le viene assegnata una parte in “Immaturi” e nello stesso periodo diventa membro del cast di Tutti pazzi per amore 3 dove recita la parte di Eva, l’amica lesbica del personaggio principale. L’anno seguente, invece, interpreta la parte di Eleonora nel sequel della pellicola. Grazie a queste numerose collaborazioni e alla fama ottenuta, Anita Caprioli ottiene nello stesso anno una candidatura ai David di Donatello in qualità di migliore attrice non protagonista. In aggiunta a quest’ultimo riconoscimento, l’attrice ha ottenuto anche ulteriori candidature per il Nastro d’Argento come miglior attrice non protagonista per il film Non pensarci (2008) e Corpo Celeste (2011).

Oltre alla sua irresistibile bellezza, Anita Caprioli è sempre stata considerata un’attrice poliedrica. Nel corso della sua carriera si è sempre dedicata all’amore per il cinema, la televisione ed il teatro con una forte costanza e naturalezza. Proprio per questo, i ruoli da lei interpretati si sono sempre rivelati particolarmente significativi, grazie anche alle sue spiccati doti comunicative, ricche di spontaneità e scioltezza. La stessa attrice si è sempre definita in alcune interviste una bambina piuttosto avventurosa ed ha sempre messo in risalto il suo approccio con il teatro avvenuto a contatto con un ambiente molto giovanile. Tale esperienza le ha sempre permesso di apprezzare le numerose differenze e qualità tra gli adulti ed i più piccoli. Inoltre, per quanto riguarda la sua carriera, la donna ha sempre messo in evidenza le varie interpretazioni, tutte differenti tra loro, affermando che è sempre pronta ad affrontare nuove avventure e lavorare su personaggi di vario tipo. Ad influire è stato anche lo splendido rapporto che la Caprioli ha sempre instaurato con i registi ed i produttori. Tale esperienza l’ha spinta a dedicarsi maggiormente al mondo del grande schermo. Una pellicola a cui l’attrice si definisce fortemente legata è sicuramente Non pensarci, in quanto ha dichiarato che lavorare sul set è stato come far parte di una grande ed amorevole famiglia.

Anita Caprioli, attrice: biografia e curiosità
Anita Caprioli, attrice: biografia e curiosità