La vellutata rustica di cavolo nero

Federica Facchini, blogger de LeDueCoccinelle, ci regala una ricetta buona e leggera dal sapore autunnale

Mi piace stare in cucina. E’ una cosa che mi rilassa e mi fa scoprire ogni volta il piacere di creare qualcosa con le mani a partire dalle materie prime.

Mi piace stare in cucina e mi piace fare la spesa, soprattutto comprare i prodotti freschi come la frutta e la verdura e con il passare delle stagioni rimango sempre affascinata da come cambino i volti e i colori delle botteghe che frequento abitualmente: il rosso delle fragole e delle ciliegie, il viola delle melanzane e il giallo dei peperoni che imperversano in estate piano piano lasciano il posto alle tonalità più scure di verde, all’arancio e al bianco di cavolfiori e finocchi.

E’ proprio a partire dal mese di ottobre che si percepisce il cambiamento, quando ancora è possibile trovare le ultimissime prugne, ottime per una marmellata, accanto alle prime zucche. Ed è a ottobre che iniziano a fare capolino i primi cavoli, compagni poi di tutto l’inverno. Siano essi broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiori o cavoli neri poco importa, io li adoro tutti.

E non vale dire che lasciano un cattivo odore che invade tutta la casa, perché mentre si cucinano è sufficiente far bollire un pentolino con acqua e una stecca di cannella e vi sembrerà di aver preparato dei cookies invece che della verdura.

E’ questo il periodo in cui nella mia cucina si cambia il menu e da quello estivo fatto di insalate, riso e orzo freddi, gazpacho e couscous di verdure, si passa alla versione invernale in cui le minestre sono assolute protagoniste.
E una delle prime messa in tavola in questo inizio di autunno è stata la vellutata con il cavolo nero. Rustica e verace.

facchini

Federica Facchini, blogger. Di sé dice: «Amo fare il pane e il suo profumo che pervade la cucina, ho un orto sul balcone e mi piacciono i ciliegi che fioriscono in primavera. Regina indiscussa del mio frigorifero è la pasta madre. Racconto tutto questo, chi sono e il mio amore per la natura sul mio blog LeDueCoccinelle, su Twitter, Facebook e Instagram»

INGREDIENTI (per 2/3 persone)
1 patata di medie dimensioni
2 carote
1 zucchina
4/5 foglie di Cavolo nero
1 quarto di cipolla bianca
Un pizzico di zenzero grattugiato
600 ml di brodo vegetale
Olio EVO

PREPARAZIONE – Pulite e tagliate le verdure a tocchetti e mettete tutto a freddo in una pentola ampia insieme al brodo e all’olio e lasciate cuocere per almeno mezz’ora a fuoco medio.
Una volta pronte le verdure, frullate il tutto utilizzando il frullatore ad immersione fino a ottenere una crema.
Lasciate cuocere ancora alcuni minuti se preferite una consistenza meno liquida.
Servite con un pizzico di zenzero grattugiato.

Questa vellutata è ottima inoltre se accompagnata con del pane senza sale, del formaggio di capra e un filo di olio a crudo.

Un consiglio. Per stabilire con la quantità di brodo da usare nelle vellutate io uso un trucco: peso le verdure pulite e tagliate e a queste faccio corrispondere la parte liquida della ricetta. Per esempio se la verdura pesa 400 gr, il brodo che utilizzo è pari a 350/400 ml, regolandomi poi in cottura con la consistenza che preferisco.

La vellutata rustica di cavolo nero