Nespole: proprietà, benefici e come preparare il liquore con i noccioli

Tutto sulle nespole: come conservarle e sceglierle, quali proprietà hanno e come realizzare il liquore con i noccioli

Nespole

Fonte: iStock Photos

La nespola è il piccolo frutto del nespolo del Giappone (Eriobotrya japonica), albero sempreverde originario dell’Estremo Oriente, la cui coltivazione si è diffusa rapidamente, a partire dal 1700, anche dalle nostre parti, soprattutto in Sicilia e nelle zone a clima temperato. Da non confondere con la drupa del nespolo comune, la nespola giapponese, che matura e viene raccolta proprio in questo periodo, si caratterizza per buccia e polpa di un vivace colore giallo-arancio (che denota una notevole quantità di carotenoidi) e per i grossi semi scuri e tondeggianti, non edibili. Dal punto di vista nutrizionale, oltre alla presenza dei già nominati carotenoidi, potenti antiossidanti, si tratta di un frutto a basso contenuto calorico nonostante la sua dolcezza (apporta soltanto 28 kcal per 100 g), ricchissimo di vitamine (in particolare A, B e C), sali minerali (potassio, fosforo, magnesio e calcio) e fibre.

Nespole: come sceglierle e conservarle

Quando le scegliete, preferite gli esemplari di nespola ben maturi (il frutto acerbo risulta particolarmente tannico e può “allappare” la bocca) e con la buccia liscia e, per quanto possibile, priva di macchie o ammaccature. Prestate particolare attenzione quando le trasportate e maneggiate: le nespole, infatti, sono molto delicate e risentono degli urti, a cui solitamente sono dovute le vistose macchie scure che spesso presentano esternamente. Se non le consumate subito, è possibile conservarle in frigorifero anche per una decina di giorni, dopo averle private del peduncolo e poste in un largo contenitore possibilmente non sigillato, o in un sacchetto di plastica forato, per evitare eccessi di umidità.

Liquore alle nespole: come prepararlo con i noccioli

Se volete trovare un uso anche per i noccioli di nespola, vi suggeriamo come preparare un delizioso liquore della tradizione, il “nespolino”: vi serviranno 200 g di noccioli di nespole, mezzo litro di alcol a 90°, mezzo litro d’acqua e 500 g di zucchero di canna. Fate asciugare per un paio di giorni i noccioli, eliminate la pellicola marrone che li ricopre, spezzettateli leggermente e uniteli, in un barattolo a chiusura ermetica, agli altri ingredienti. Aspettate 40 giorni, agitando il barattolo due volte al giorno. Trascorso questo tempo, filtrate il liquore (allo scopo sono molto comodi i filtri delle macchine per il caffè americano), fino a renderlo limpido, quindi travasatelo in bottiglie sterilizzate, chiudete e lasciate riposare per altri 40 giorni prima di gustarlo! Ha un piacevole sapore che ricorda quello degli amaretti.

Nespole: proprietà, benefici e come preparare il liquore con i n...