L’alimentazione dello sportivo: scegliere i carboidrati

I carboidrati sono molto importanti nell’alimentazione degli sportivi, se praticate attività fisica aerobica regolarmente, non trascurate questa fondamentale categoria nutrizionale.

Se amate lo sport, sapete quanto è importante associare all’attività fisica la corretta alimentazione. Sulla tavola degli sportivi che praticano discipline aerobiche, come corsa, ciclismo, sci di fondo, nuoto cyclette, tapis roulant per esempio, non possono assolutamente mancare i carboidrati, ecco perché e quali scegliere.

Perché i carboidrati sono importanti per lo sportivo?
Con il diffondersi di diete iperproteiche si tende a dimenticare che i carboidrati sono essenziali per l’organismo. A tutti gli effetti rappresentano il carburante principale. Vi rendete subito conto quindi di quanto siano preziosi per gli sportivi che di energia ne hanno bisogno parecchia se si sottopongono ad allenamenti intensi, continuativi, prolungati e con elevato dispendio calorico. La ripartizione calorica tradizionale fra le varie categorie alimentari prevede che i carboidrati contino per circa il 50-60%. Pensate sia tanto? Non è così dal momento che sono determinanti sia prima dell’allenamento per creare delle scorte energetiche (di glicogeno per essere precisi) nei muscoli e nel fegato, durante l’allenamento per evitare che il glicogeno contenuto nei muscoli si esaurisca prima della fine dello sforzo e dopo l’allenamento rimpiazza il glicogeno perso.

Quali carboidrati scegliere?
I carboidrati migliori da consumare prima della prestazione sportiva che implica movimento prolungato con conseguente elevato dispendio energetico (si pensi a una maratona) sono quelli a basso indice glicemico, come i cereali integrali, i legumi e la verdura. Questi carboidrati permettono di consumare il glicogeno più lentamente e quindi non restare senza energia prima della fine dell’allenamento. Dopo la prestazione invece andranno bene anche quelli ad alto indice glicemico, come zucchero, dolci, frutta zuccherina, pane e pasta di farina bianca, meglio si consumati insieme a delle proteine per aiutare l’organismo a riparare i tessuti messi a dura prova dall’attività fisica e a frutta e verdura in grado di apportare vitamine e sali minerali indispensabili per mantenere efficiente e in salute l’organismo.

E chi fa attività anaerobiche?
Il discorso cambia se parliamo di persone che praticano attività anaerobiche come il sollevamento pesi, in questo caso l’obiettivo principale è l’aumento della massa muscolare, ecco perché l’alimentazione dovrà privilegiare le proteine rispetto ai carboidrati, che però non dovranno comunque mancare e che andranno scelti fra quelli a basso indice glicemico.

L’alimentazione dello sportivo: scegliere i carboidrati