Come far fiorire un balcone, dalla scelta delle piante all’innaffiatura

La guida passo passo per realizzare un terrazzo fiorito. In primavera sbizzarritevi con ortensie, lavanda, gerani e vite canadese

Se per tutto l’inverno avete trascurato balconi e terrazzi e il gelo ha decimato le vostre piante è arrivato il momento di correre ai ripari e con ordine e metodo prendere in mano la situazione. Siete ancora in tempo per trasformare i vostri campi di battaglia in piacevoli oasi che potrete poi contemplare dalle finestre di casa o sdraiati su una nuova e meritata chaise longue, con un libro in una mano e un cocktail nell’altra.
Il lavoro è lungo e faticoso, l’ideale è farlo in compagnia di amici organizzando le varie fasi che hanno una sequenza abbastanza logica.

Come far fiorire un balcone, il censimento delle piante
Estirpare e buttare via le piante morte è il primo passo, facendo attenzione a non eliminare quelle ancora vive raschiando un po’ sui rami per verificare se sotto sono ancora verdi.

Come far fiorire un balcone, eliminare le erbacce
Finito il censimento bisogna cominciare a pulire, eliminando erbacce e foglie secche. Meglio farlo a mano, evitando prodotti chimici. Alcune piante che hanno sofferto avranno bisogno di essere rinvasate. In quel caso, controllate se è necessario tagliare le radici in eccesso prima di trasferirle in un vaso più grande con terra fresca.

Come far fiorire un balcone, potare
Passate poi alla potatura: tagliate tutti i rami secchi e accorciate quelli che sono diventati troppo lunghi e sparano in tutte le direzioni, perché dare una forma armonica ai vostri arbusti, alberi o ramoscelli vi darà una grande soddisfazione.
Attenzione però, potare non è semplice ed è necessario conoscere il modo giusto per non creare disastri. E’ l’unico passaggio in cui è indispensabile il consiglio di un esperto, poiché ogni varietà ha le sue regole. Le rose, che a marzo hanno bisogno di una bella sfoltita, vanno tagliate sempre in modo netto, ma ogni qualità ha le sue leggi.

Come far fiorire un balcone, innaffiare e concimare
A lavoro finito quando tutto sarà pronto, terrazzo, balcone o davanzale che sia, sarete veramente sfiniti e a meno che non abbiate l’impianto di irrigazione automatico è il momento di innaffiare e concimare.
Date l’acqua gradatamente è più facile che una pianta muoia per troppa acqua che il contrario.
Per nutrire il terreno preferite i concimi naturali a quelli chimici, dal letame al sangue liofilizzati ma senza esagerare: vedrete le vostre piante esplodere di salute nel rispetto dell’ambiente.
E’ il momento giusto anche per sterminare i parassiti che  hanno preso possesso dei vostri balconi: preferite ancora i prodotti naturali.

Come far fiorire un balcone, cosa piantare
Ma non è finita qui. E’ arrivato il momento di contare i vasi vuoti e decidere come rimpiazzare chi non ce l’ha fatta.
Le scelte dipendono soprattutto dall’esposizione: se avete un terrazzo rivolto a nord meglio felci, peonie e ortensie adatte alla mezz’ombra. Tra i fiorellini preferite le pervinche anche se un po’ invadenti, timidi mughetti e nasturzi. I rampicanti più adatti sono vite canadese, edera, caprifoglio o rose, mescolati alle esili clematis. Se invece il terrazzo guarda a sud scegliete alberi profumati di limone e arancio, un semplice fico o un malinconico ulivo, sempre che ci sia lo spazio necessario. Puntate sul plumbago e i suoi grappoli celesti, su margherite, primule, nasturzi e surfinie per una festa di colori. Comprate timo, lavanda e mirto se volete profumi intensi per l’angolo delle odorose.
Gerani cascanti, cespugli di rose, rynchospermum (detto anche gelsomino giapponese) e cornus sono piante robuste che si adattano a diverse esposizioni. Non vi resta che aspettare la fioritura, per essere ripagati della fatica.

Come far fiorire un balcone, dalla scelta delle piante all’innaf...