No stress: come crearsi una zona di confort in casa

Vivere in una casa libera da stress è l'obiettivo di molte persone. Ecco come creare una zona di confort nei propri ambienti domestici

Una casa a stress zero, capace di riflettere il nostro bisogno di ordine interiore, di calma e di armonia profonda. Tutti noi, dopo una giornata di lavoro, vorremmo rilassarci in un ambiente accogliente, in una una zona di confort, ma per molte persone questa non sembra essere un’esperienza consueta, anzi. Il punto è che vi sono alcuni accorgimenti da prendere perché almeno una zona della nostra casa sia davvero libera dallo stress e non un fattore destabilizzante per chi la vive. Questi accorgimenti riguardano la scelta e la disposizione degli oggetti nello spazio, ma anche la relazione sensoriale che intratteniamo con esso.

Pensiamo ai colori: non tutti i colori favoriscono uno stato di serenità. Sono ad esempio da evitare il rosso, il nero e il viola, mentre quelli da preferire sono il blu, il verde e il bianco. Fra i colori caldi, l’arancione può suggerire la ricerca spirituale e il cambiamento, una delicata tonalità di marrone solidità e concretezza. Altro senso a cui prestare attenzione è l’olfatto: un profumatore alla lavanda stimolerà in voi una sensazione di calma, tranquillità e silenzio. E se il suggerimento di non fumare potrà apparire banale, meno ovvio è quello di ricorrere a una lampada di sale per ionizzare l’aria e renderla più pulita: gli ioni si legano infatti alle polveri, caricandole elettrostaticamente e portandole a legarsi alle superfici anziché svolazzare.

Le lampade di sale, oltre a regalarci una luce ambrata, soffusa e delicata, favorevole alla concentrazione, contribuiscono a regolare l’umidità, diminuiscono le allergie e proteggono dall’elettromagnetismo. Alleggerire i propri spazi, favorendo il vuoto e la luminosità a discapito di oggetti inutili e carichi di ricordi vacui o negativi, è un ottimo modo per evitare di sentirci intrappolati nel passato e per alleggerire la nostra casa dallo stress: più saremo liberi di muoverci nei nostri ambienti, più avremo creato intorno a noi un ordine esteriore funzionale al nostro benessere.

L’ultimo consiglio riguarda il rapporto fra giorno e notte. Per sentirci sempre centrati e reattivi, è fondamentale distinguere non solo le aree giorno e notte nella disposizione degli spazi, ma anche tracciare ogni mattina questo confine con un semplice gesto: rifare il letto appena svegli, quando apriamo le finestre per favorire il ricambio dell’aria, in modo da caricare la nostra casa di una sensazione di ordine e disciplina interiore.

No stress: come crearsi una zona di confort in casa