Genitori e figli in cucina

Tra sapori, profumi e strumenti, ecco come introdurre i bambini al mondo culinario

Leonora Sartori

Leonora Sartori Esperta di design

In collaborazione con

Già dai primi mesi di vita, è importante aprire le porte della cucina ai bambini. Dall’osservazione alla composizione dei piatti, passando per l’apparecchiare la tavola, qui possono sviluppare le loro capacità psicomotorie imparando e divertendosi allo stesso tempo. Ecco una mini guida per capire cosa possono fare i bambini in cucina in base all’età: dai 6 mesi ai 10 anni.

Professionista: Paul Raff Studio 

6 mesi

In questa primissima fase di vita i bambini iniziano a sperimentare l’autonomia, il gusto di cibi nuovi, lo spazio che li circonda. Per introdurli alla cucina si può condividere con loro la preparazione della pappa. Ancora troppo piccoli per contribuire, potranno comunque osservare e imparare gradualmente a riconoscere strumenti e alimenti, oltre che a gestire il momento dell’attesa in modo educativo e divertente. Sistemate il seggiolino in cucina di fronte a voi mentre cucinate e lasciate che vi osservino e che tocchino gli ingredienti per stimolare la loro curiosità.

Professionista: MOODERN 

1 anno

Crescendo i bambini si relazionano sempre di più con il cibo e riconoscono la differenza in termini di consistenza, temperatura, sapori. Iniziano anche a capire che la cucina è lo spazio deputato a soddisfare il loro bisogno di sfamarsi e stare qui li rende felici. Esclusi alcuni alimenti, in questa fase potete sbizzarrirvi a cucinare di tutto, cercando di accontentare i loro gusti. Ora vogliono aiutarvi, permettete loro di aprire le ante dei mobili e di porgervi una pentola, date loro un cucchiaio e una ciotola per imitarvi nei movimenti, li aiuterà a sentirsi partecipi. Potreste persino attrezzare una mini cucina tutta per loro accanto a quella “degli adulti”: dai modelli in commercio a una versione fai da te, dai cibi giocattolo agli scarti di frutta verdura vera, le opzioni per farli divertire imparando sono infinite.

Professionista: Jennifer Bishop Design 

2 anni

A questa età i bambini iniziano a sviluppare i propri gusti, è importante riuscire a gestire la preparazione di un piatto che solitamente rifiutano. Un metodo è quello di coinvolgerli, ormai possono collaborare: versare liquidi, mescolare gli alimenti, setacciare la farina, mettere gli alimenti sul piatto della bilancia, sagomare le forme dei biscotti… e leccarsi le dita! Non limitateli nell’assaggiare le pietanze mentre state cucinando, li aiuterà a distinguere i sapori e a vivere l’attesa con più gioia.

Professionista: FLOR 

3-4 anni

Dai tre anni in poi i vostri figli si sentono dei cuochi perfetti, desiderano poter fare da soli anche se ancora non sono capaci. È importante assecondarli ma facendo capire loro come possono contribuire. Ormai hanno imparato a controllare abbastanza bene i movimenti e la forza quindi, ad esempio, lasciate loro rompere le uova e montatele insieme. Sempre con la vostra supervisione possono anche usare i frullatori a immersione per preparare le passate. Dalla preparazione all’assaggio fino allo sparecchiare, fateli partecipare.

Professionista: Sound Home Staging and Design 

5-6 anni

Ora cominciano a sperimentare come combinare i vari ingredienti, è il momento di imparare le ricette! Insegnate loro quali sono i vari passaggi per ottenere un certo risultato. Potete iniziare ad esempio dal loro piatto preferito: mostrate loro tutti gli ingredienti poi aprite il libro delle ricette, leggete le indicazioni e insieme procedete con le azioni necessarie. Idea creativa: prendete un volantino del supermercato, ritagliate i vari ingredienti e create a quattro mani un poster con il procedimento della ricetta. Infine attaccatelo al frigo, così saranno in grado di rifare il piatto in ogni momento!

Professionista: YES Spaces, LLC 

7-10 anni

Ormai sanno leggere, scrivere e fare i conti. La cucina può diventare un doposcuola dove i bambini possono applicare concetti di matematica, chimica e fisica, leggere le ricette e sviluppare le capacità logiche. Potete lasciarli scegliere una ricetta e vedere come si ingegnano a prepararla, ovviamente sempre con la vostra supervisione e supporto in caso serva usare elettrodomestici o fornelli. Educateli anche l’importanza di riordinare la cucina: fatevi aiutare nelle operazioni di pulizia e insegnateli qual è il posto giusto per ogni cosa.

Salva

Genitori e figli in cucina

Leonora Sartori Esperta di design Giornalista e scrittrice, amante dei designer coraggiosi, dello stile jungalow e delle carte geografiche alle pareti. È l’editor in chief italiana del magazine di Houzz dal 2015. Con oltre 40 milioni di utenti al mondo, Houzz è la più grande piattaforma di architettura e design: nato nel 2009 negli Usa è oggi presente in 14 paesi.

Genitori e figli in cucina