Come curare le orchidee

Come curare le orchidee: i consigli e i trucchi utili per avere piante dalle incantevoli fioriture e regalare un tocco di eleganza alla casa

Sapere con precisione come curare le orchidee è fondamentale perché queste particolari piante sono tanto belle quanto delicate. Chi si avvicina per la prima volta al mondo delle orchidee, magari perché ne ha ricevuta una in regalo, si trova spesso spaesato e non sapendo quali cure dedicar loro finisce per buttarle dopo la sfioritura. Niente di più sbagliato perchè le orchidee, se correttamente curate, possono rifiorire più volte regalando un’immensa soddisfazione.

I consigli su come curare le orchidee consistono nel ricreare il più possibile un habitat simile a quello in cui si trovano in natura, tenendo presente che sono originarie dei paesi con clima tropicale. Per questo bisogna trovare la giusta combinazione di luce, acqua e temperatura. Per soddisfare le esigenze di luce delle orchidee bisogna posizionarle in una zona molto luminosa della casa. L’ideale sarebbe collocarla sul davanzale di una finestra esposta a sud evitando, però, il sole diretto soprattutto in estate. Per prevenire le bruciature dovute ai raggi solari sarebbe opportuno schermare la finestra con una tenda.

L’orchidea è una pianta che ama molto l’umidità ma non i ristagni idrici. Bisogna quindi attendere, tra due innaffiature, che il terreno sia completamente asciutto. Il trucco per rendersi conto se è il momento di dare acqua alla pianta è osservare il colore delle radici: se sono argentee vuol dire che è arrivato il momento di darle da bere. A differenza di tutte le altre piante, l’orchidea va innaffiata immergendo il vaso in acqua per circa 30 minuti, per poi lasciarlo scolare prima di rimettere la pianta al suo posto. Per mantenere il giusto livello di umidità nella parte aerea della pianta è consigliabile nebulizzarla almeno una volta al giorno, soprattutto in estate.

La temperatura ottimale per le orchidee è compresa tra i 16 e i 24 gradi, ma possono tollerare anche temperature elevate se collocate all’ombra e con il giusto tasso di umidità ottenuto vaporizzandole con uno spruzzino. I fiori delle orchidee durano a lungo ma, una volta sfioriti, non facciamo l’errore di buttare la pianta. Tagliamo semplicemente gli steli alla base e, se necessario, eliminiamo radici e foglie secche. Se continuiamo ad applicare i consigli su come curare le orchidee dopo qualche mese vedremo spuntare i nuovi steli fiorali tra le foglie e dopo poche settimane avremo una nuova fioritura.

Come curare le orchidee