Back to work: idee per ottimizzare l’angolo studio

Segui questi consigli per rendere il tuo spazio di lavoro più comodo e favorire la produttività

Leonora Sartori

Leonora Sartori Esperta di design

In collaborazione con

Il momento che segue le vacanze estive è ideale per dare una rinfrescata allo spazio dove lavoriamo. Questo dovrà essere tanto rilassante quanto stimolante, in modo da favorire la concentrazione, la produttività e, a seconda del lavoro svolto, anche la creatività. Indispensabili la giusta dose di ordine e un’adeguata illuminazione. Scopriamo come rinnovare con poco lo studio domestico.

Professionista: Juliette Byrne 

L’ordine è fondamentale in un ambiente di lavoro. Se da un lato aiuta a concentrarsi, non correndo il rischio di essere distratti dal caos, dall’altra permette di risparmiare tempo quando dobbiamo trovare il documento che ci serve. Via libera quindi a raccoglitori e scatole, ciascuno con la propria etichetta. Interessante l’idea di creare un ordine anche cromatico, sistemando le cose in base al colore.

Professionista: Alex Maguire Photography 

Altro requisito fondamentale in uno studio è la luminosità. Posizionare la scrivania accanto a una finestra è l’opzione migliore per godere della luce naturale ed evitare di dover ricorrere a fonti di luce artificiale, che alla lunga possono stancare gli occhi. In più, quando hai bisogno di un momento di pausa, puoi ritrovare le energie ammirando la vista sull’esterno: meglio ancora se questa si affaccia su un giardino rigoglioso.

Professionista: Found Associates 

Un altro accorgimento per aumentare la luminosità dello spazio è quello di prediligere mobili trasparenti. In questo modo anche una zona ufficio di piccole dimensioni può diventare luminosa e sembrare persino più spaziosa. Una scrivania e una sedia in acrilico trasparente non ingombrano visivamente lo spazio, mentre armadi o scaffalature in bianco possono ospitare libri, raccoglitori, cancelleria e magari anche la stampante, tenendo le superfici sgombre e pulite.

Professionista: Openstudio Architects Ltd 

Se fai fatica a concentrarti, riduci tutto all’essenziale. Basta una semplice scrivania e una sedia per ottenere una zona di lavoro più calma e tranquilla. Questo ti aiuterà a essere più produttivo.

Professionista: Black and Milk | Interior Design | London 

Se l’angolo studio fa parte della zona giorno, potresti inserire una porta a soffietto o scorrevole per nascondere la scrivania e il computer al termine della giornata lavorativa. In questo modo sarà più facile staccare la spina e rilassarti con un buon libro o un film senza il timore di essere attratto dalla tentazione di riaprire il computer per controllare le email.

Professionista: Owl Design 

Infine, anche la personalizzazione del proprio spazio di lavoro è importante perchè qui passiamo buona parte della giornata. Per rendere il tempo trascorso al lavoro più piacevole inserisci foto, accessori e qualche tocco del tuo colore preferito. Qualche nota di giallo, rosso o blu aiuterà a stimolare la creatività e ripartire con la carica giusta.

Leonora Sartori Esperta di design Giornalista e scrittrice, amante dei designer coraggiosi, dello stile jungalow e delle carte geografiche alle pareti. È l’editor in chief italiana del magazine di Houzz dal 2015. Con oltre 40 milioni di utenti al mondo, Houzz è la più grande piattaforma di architettura e design: nato nel 2009 negli Usa è oggi presente in 14 paesi.

Back to work: idee per ottimizzare l’angolo studio