Quali sono i metodi per riconoscere la dipendenza da zucchero

La dipendenza da zucchero è una patologia molto comune e dipende da una scorretta alimentazione

Nel momento in cui il consumo di zuccheri risulta essere eccessivo, esso di solito proviene da alimenti poco salutari come caramelle, dolci e tanto altro, ciò comporterà con il tempo una vera e propria dipendenza da zuccheri. Ma come si può capire se siete dipendenti dal saccarosio e come ridurre tale rischio? Di solito gli zuccheri sono aggiunti in molti prodotti confezionati e quindi li ingeriamo quotidianamente senza rendercene nemmeno conto. In media bisognerebbe consumare al massimo sei cucchiai al giorno di zucchero.

Innanzitutto è bene capire come agisce lo zucchero sull’organismo e a livello celebrale. Lo zucchero rilascia gli ormoni che provocano buonumore, fornendo in tal modo del carburante per ogni cellula del vostro cervello. Quando ne vengono ingeriti troppi allora il cervello comincerà a non essere in grado di gestirli e recenti studi hanno dimostrato che si avverte una sensazione simile a quella provocata dalla dipendenza da sostanze stupefacenti.

Evitate le diete che aboliscono definitivamente le fonti di zucchero. Invece è molto più opportuno introdurre delle modifiche alla vostra alimentazione, riducendo man mano e con criterio la presenza eccessiva di zuccheri. Cominciate a piccoli passi con l’eliminazione di dolci a fine pasto, poi di caramelle, di cioccolato, infine riducendo la presenza eccessiva di zucchero nel caffè che potrete tranquillamente dimezzare.

Inoltre, è importante sostituire la presenza di zuccheri cattivi con quelli derivanti da yogurt, frutta, definiti zuccheri buoni in quanto sono sono aggiunti al prodotto alimentare. Lo scopo principale è quello di prolungare il senso di sazietà per allontanare man mano il fabbisogno di energia dovuto alla presenza di zuccheri. Per far si che ciò avvenga è opportuno aggiungere nella vostra alimentazione molte proteine, contenute nelle carni bianche, legumi e uova e tante fibre provenienti da verdura e frutta.

Un altro aiuto viene dall’attività sportiva costante, la quale comporta una alimentazione più sana e dal bere molta più acqua rispetto a bevande contenente anidride carbonica. Inoltre, per vincere la dipendenza da zuccheri è bene non sostituire gli zuccheri bensì abituare il proprio organismo a mangiare cibi con una dolcezza più naturale. Non esagerate con l’ingestione di marmellate, miele e zuccheri elaborati.

Immagini: Depositphotos

Quali sono i metodi per riconoscere la dipendenza da zucchero