Proprietà del riso

Proprietà del riso: vitamine, fosforo, potassio, ferro e tanto altro; sono tantissime le virtù offerte da questo pregiato alimento

Le proprietà del riso sono molteplici. Si tratta, infatti, di un alimento immancabile nelle proprie tavole, particolarmente apprezzato sia dagli adulti che dai bambini. Il riso è noto per essere ricco di vitamine, ferro, calcio, sodio, magnesio, potassio e zinco. Inoltre, questo prodotto è privo di glutine. Ad esempio, una semplice insalata estiva garantisce numerosi vantaggi, grazie al suo elevato contenuto di sostanze salutari. Nonostante ciò, le virtù di questo prodotto restano sconosciute a molti. Le proprietà nutrizionali del riso, infatti, non vanno affatto sottovalutate, poiché questo alimento sfama circa la metà della popolazione mondiale. Inoltre viene coltivato quasi in tutte le parti del mondo. Consumare il riso garantisce all’organismo un elevato contenuto di vitamina B. Quest’ultima è essenziale per favorire un corretto funzionamento del sistema nervoso. Non solo, la vitamina B favorisce l’elasticità muscolare dell’apparato gastrointestinale e allo stesso tempo apporta benessere alla pelle ed ai capelli. A rendere il riso un alimento particolarmente pregiato è proprio l’elevato contenuto di calcio presente al suo interno, ma anche fosforo, sodio, selenio, rame, ferro e zinco.

Il suo vantaggio principale è proprio quello di essere senza glutine. Pertanto, il riso si rivela l’alimento perfetto per la dieta dei celiaci o di soggetti allergici. La sua composizione è dunque completamente salutare ed è caratterizzata da importanti valori nutrizionali. Consumare questo alimento garantisce un’alta digeribilità. Per questo viene indicato soprattutto a coloro che soffrono di cattiva digestione. E’ proprio quest’ultima proprietà a garantire il benessere della flora intestinale, poiché aiuta a regolarla. Inoltre il suo ridotto contenuto di sodio lo rende l’alimento ideale da integrare in una dieta iposodica. Quest’ultima è particolarmente importante per prevenire alcune malattie come l’ipertensione arteriosa. Il riso integrale invece, è caratterizzato da un elevato contenuto di fibre, ma anche di vitamina B1, di proteine e di lipidi. Al contrario del riso tradizionale, il riso integrale non è adatto a tutte le ricette. In alternativa è possibile optare per il riso semintegrale, in grado di garantire le stesse proprietà del riso integrale attraverso una cottura più breve.

Tuttavia, esistono numerose tipologie di riso. Ad esempio, per la preparazione di timballi sono consigliati il Balilla, il Ribe ed il Cripto. Per preparare invece dei risotti o dei minestroni è consigliabile utilizzare l’Italico, l’Arborio, il Padano ed il Rosa Marchetti. Per preparare delle insalate bisogna tenere in considerazione che, in questi casi, i chicchi devono risultare ben sgranati. A questo punto non resta che avere le idee chiare su una corretta conservazione di questo alimento, in modo tale da tutelare tutte le proprietà del riso. Trattandosi di un alimento secco, è possibile optare per una conservazione a temperatura ambiente. Nonostante ciò, il riso tende ad assorbire l’acqua in elevate quantità. Pertanto potrebbe impregnarsi eccessivamente degli aromi presenti nell’ambiente. Per questo motivo si consiglia di conservarlo in posti asciutti, lontano da fonti di umidità e da alimenti aromatizzati. Le proprietà del riso dunque, rendono questo alimento particolarmente completo e pregiato.

Inoltre, questo prodotto permette di realizzare tantissime varietà di pietanze, a seconda dei propri gusti. Esistono dei piccoli trucchetti per realizzare un risotto squisito e beneficiare di tutti i valori nutrizionali e delle proprietà del riso. Basterà tritare la cipolla e soffriggerla in olio extra vergine o nel burro. Quando la cipolla diventa dorata, è possibile unire i chicchi e lasciarli tostare a fuoco moderato, facendo attenzione a non bruciare il riso. Il tempo della cottura può variare a seconda della tipologia del riso, ma generalmente non supera i 5 minuti. E’ possibile unire un po’ di vino per aromatizzare ulteriormente il condimento. Si consiglia di eseguire questo procedimento verso la fine, onde evitare di compromettere la tostatura. Quando il vino evapora, è possibile aggiungere il brodo, superando di poco il livello del riso. Dopodiché si può procedere a completare la cottura. Al termine, aggiungere un pizzico di sale e condire con del formaggio grattugiato. Inoltre, il riso permette di realizzare tantissime tipologie di insalate. In questo caso, si consiglia di unire delle gocce di succo di limone durante la cottura. Questo procedimento è utile per mantenere i chicchi sgranati durante la preparazione. Un suggerimento è quello di unire i condimenti al termine della preparazione, onde evitare che la pietanza risulti troppo liquida. In poche e semplici mosse è possibile gustare delle ricette prelibate e beneficiare di tutte le proprietà del riso.

Proprietà del riso