Per non far ammalare i bambini, fateli giocare all’aperto (anche col freddo)

Per difendere e rinforzare le difese immunitarie dei vostri cuccioli, è fondamentale farli uscire. Anche in inverno

Per far crescere forti e sani i vostri bambini l’ideale è farli uscire all’aperto a correre e giocare anche quando le temperature si abbassano, ovviamente ben coperti. Perché all’aperto ci sono meno rischi infettivi che negli ambienti chiusi – come le scuole – e l’aria fuori è sicuramente migliore.

Per difendere e rinforzare i bambini, attenzione mamme troppo apprensive, è fondamentale farli uscire anche in inverno, senza dimenticare – se le temperature sono rigide – cappello, sciarpa e guanti. Una volta ben coperti –  ricordate che i bambini hanno minore capacità di termoregolazione –  lasciarli giocare all’aria aperta con qualsiasi tempo.

È quello che sostiene l‘esperta Susanna Esposito, direttore della UOC Pediatria 1 Clinica della Fondazione Policlinico di Milano e Presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP): “Con l’arrivo delle temperature fredde, i genitori hanno paura di lasciare i figli all’aria aperta, perché temono per la loro salute. In realtà, se ben coperti e portati fuori nelle ore centrali della giornata, hanno minori possibilità di essere esposti agli agenti infettivi di quante ne hanno se rimangono a lungo in luoghi poco areati. Infatti, i contatti ravvicinati con altri bambini o, più in generale, con i soggetti malati, sono una delle principali modalità di trasmissione delle malattie infettive…”

Per avere bimbi sani è importantissimo anche avvicinarli subito allo sport e far vivere il movimento fisico come un gioco. L’attività fisica permette ai bambini di progredire negli sport, farli appassionare, renderli sicuri di sé e dare loro la possibilità di praticarlo anche in età adulta. Lo sport rinforza il corpo e lo rende più resistente agli agenti esterni, soprattutto se praticato all’aria aperta a contatto con gli sbalzi atmosferici.

Per evitare malanni ai bambini è importante anche aver cura dei luoghi in cui vivono, arieggiando bene la casa e le stanze in cui soggiornano. Ci si ammala molto più facilmente perché quando fuori fa freddo, ci si barrica al chiuso. E se il bambino ha la febbre, non è detto che non possa uscire di casa, la febbre si abbassa con gli antipiretici. Piuttosto quando un bambino ha la febbre, non dovrebbe andare a scuola, ma è sbagliato dire che non può uscire. La febbre non è una malattia, ma un “sintomo” che deve fare il suo corso.

La febbre è una difesa contro l’attacco da parte di virus e batteri, una “cura” naturale che deve fare il suo corso per poter difendere l’organismo, che quando viene aggredito da un virus o da un batterio si difende con l’innalzamento della temperatura che è meno favorevole per gli organismi invasori.

In poche parole la febbre è una difesa per l’attacco dei virus e dei batteri e deve fare il suo corso per poter difendere l’organismo. Quindi quando il vostro bambino ha la febbre, meglio non imbottirlo subito di farmaci, piuttosto, consultate il medico.

Per non far ammalare i bambini, fateli giocare all’aperto (anche...