Lo stress? Un problema femminile, ma si può vincere

Da uno studio scientifico emerge che le donne oggi hanno problemi di stress dovuti alla scarsa produzione di serotonina. Come vincere lo stress?

Sempre più donne soffrono di stress, come uscirne? Ne abbiamo parlato con la dott.ssa. Cristiana Isabella Vignoli, autrice di VINCI LO STRESS IN 4 STEPS, e-book che è diventato in soli 2 giorni best seller su Amazon vendendo più di 1.500 copie poco dopo l’uscita.

Dott.ssa Vignoli, ha deciso di scrivere VINCI LO STRESS IN 4 STEPS dedicandolo alle donne, sempre più spesso interessate da questo fenomeno. Quali sono i rischi di uno stress protratto?
Come si può vedere da moltissimi studi i rischi dello stress sono tanti e sovente gravi. Andiamo da problematiche psicologiche come la depressione o gli attacchi di panico, sino alle malattie fisiche cardiovascolari, gastrointestinali e respiratorie.  

Esiste però anche uno stress “buono”, giusto?
Si certo esiste lo stress buono che è quello che ci aiuta ad evitare un’auto in corsa mentre attraversiamo sulle strisce pedonali; è quello che ci fa sopravvivere agli allattamenti “sfrenati” ogni 2 ore, è quello che aiuta gli studenti ad affrontare l’esame universitario o di maturità. In ogni stress “buono” noi consumiamo il cortisolo prodotto. Quando invece uno stress diventa cronico, ovvero non si sviluppa in seguito ad una situazione pericolosa od eccezionale, ma è sempre latente ed il nostro corpo produce cortisolo per gran parte della giornata allora quello è uno stress cattivo. Potremmo dire che lo stress buono ci aiuta a vivere e che lo stress cattivo ci aiuta a morire.

Cosa intende quando sostiene che la produzione di stress è legata al fatto che ci siamo dimenticati di essere animali?
Il sottotitolo del mio libro infatti è “siamo animali ma lo abbiamo dimenticato” perché noi pur essendo animali viviamo contro natura: di giorno, quando fuori c’è la luce naturale, siamo chiuse nelle case, negli uffici, nelle scuole, nei centri commerciali. E di notte, quando fuori c’è buio, noi stiamo davanti alla TV, ai cellulari, ai tablet, tutti schermi retroilluminati che, colpendo la retina, danno l’illusione al nostro corpo d’essere alla luce solare. Così di notte, anziché produrre la melatonina, che ci aiuta a dormire, produciamo la serotonina, che è un neurotrasmettitore fondamentale per la nostra vita: ma deve essere prodotto di giorno, non di notte, altrimenti non ci permette di dormire.

Nel libro si parla anche di stress passivo, che cos’è e come possiamo evitarlo?
Cerco di sintetizzare: esiste una legge della fisica che si chiama risonanza. Se in una stanza noi abbiamo 2 diapason e suoniamo uno di questi, il movimento d’onda del suono, per la legge di risonanza, farà suonare anche l’altro. Così quando una persona è stressata, il suo corpo si altera: il ritmo del cuore è accelerato, le sinapsi seguono collegamenti frenetici e inconcludenti, la digestione si ferma, il suo campo biomagnetico si altera seguendo un eccesso elettrico a discapito di un abbassamento magnetico, la biochimica del corpo si altera e di conseguenza si alterano gli odori del corpo. Se una persona così alterata, ovvero stressata, incontra in una stanza una persona in stato di quiete, o relax, allora l’onda d’urto di quella stressata, per risonanza, invade il corpo della persona in quiete. Così anche quest’ultima, dopo poco, presenta le stesse variazioni elettromagnetiche e biochimiche entrando anche lei in stress. Nel libro suggerisco alcune tecniche per riconoscere coscientemente queste alterazioni proprie ed altrui e suggerisco alcuni trucchi semplici per non entrare in risonanza con un ambiente stressato o stressante. Se noi che siamo in quiete siamo più forti di chi è stressato, sempre per la medesima legge, porteremo noi la persona stressata a rilassarsi.

Magnetic Healing® , il metodo anti stress che ha messo a punto, incide su quello che definisce il nostro campo biomagnetico, che cos’è questo campo e come possiamo agire su di esso?
Il corpo umano, da un punto di vista scientifico e non metafisico, è un complesso insieme di sostanza fisica più o meno densa che si muove e agisce grazie a un campo elettromagnetico. Il Magnetic Healing®  non è solo un metodo antistress, è  una tecnica che aiuta l’integrazione di questo complesso insieme chiamato essere umano spesso in conflitto con se stesso a causa degli impulsi del cervello, del corpo e delle emozioni. L’integrazione del Magnetic Healing® viene attivata attraverso esercizi posturali o artistici. Con il supporto di suoni, mantra e mudra stimoliamo, in pochissimi minuti, ed attiviamo la collaborazione: fra l’emisfero destro e sinistro; fra corpo, mente ed emozioni; fra il maschile e il femminile; fra la mente intuitiva e quella analitica. Tutto questo serve a cambiare i nostri vecchi “programmi mentali” demotivanti, che ci fanno valutare come stressante una persona, una situazione, una risposta o un atteggiamento altrui, portando di conseguenza il nostro corpo a reagire producendo cortisolo, bloccando la digestione, alterando il campo elettromagnetico e la biochimica. Da moltissimi anni esistono l’elettroencefalogramma e l’elettrocardiogramma con cui si misura questo andamento elettrico del corpo. Finalmente oggi esistono anche il magnetocardiogramma e il magnetoencefalogramma con il quale possiamo vedere come funziona il campo biomagnetico umano.

Quali strategie possiamo adottare quotidianamente per stare alla larga dallo stress?
Intanto aiutare il corpo a produrre serotonina di giorno e melatonina di notte. Per fare questo dobbiamo stare alla luce del sole durante la giornata. Usiamo tutte le pause per stare all’aperto, alla luce naturale. Soprattutto se abbiamo bambini facciamoli stare alla luce naturale non solo adesso che è estate, ma anche in inverno. Mentre di notte spegniamo la TV, i cellulari e tutti gli schermi retroilluminati almeno 30 minuti prima di andare a dormire. Stendiamoci a letto, ascoltiamo della buona musica, in penombra. Aiutiamo il corpo a vivere il ciclo giorno/notte come lui desidera. In cambio avremo una pelle più giovane, una mente più lucida, più energia vitale e migliori rapporti umani.

Lo stress? Un problema femminile, ma si può vincere