Integratori alimentari: cosa sono e per quali funzioni possono essere utili

Cosa sono gli integratori alimentari? Scopriamo cosa sono questa tipologia di cibi molto diffusi in ambito sportivo per integrare vitamine e altre sostanze utili al corpo

Gli integratori alimentari, nella scienza della alimentazione, vengono considerati come prodotti che servono a integrare un certo tipo di sostanze nutrienti in caso di fabbisogno. In questo modo, una persona potrebbe regolare la sua alimentazione, se la dieta seguita non consente di assumere tutti i principi nutritivi di cui si ha bisogno. Questo tipo di prodotto, inoltre, è soggetto di numerosi dibattiti per la sua effettiva utilità per l’organismo. Molti nutrizionisti o esperti del settore, sostengono fortemente l’utilizzo di tali prodotti solamente in caso di estrema necessità, affermando che niente può sostituire una alimentazione corretta e variegata. Se gli integratori alimentari fossero assunti in maniera esagerata e incontrollata si rischierebbero diversi problemi di salute. È risaputo che nel sangue è presente una certa quantità di molecole disciolte, chiamata anche densità osmotica. Se si va ad assumere in maniera esagerata un solo tipo di molecola, si causerà l’eliminazione di tutte le altre dal sangue, arrivando ad avere problemi di ipervitaminosi.

Per questo, l’assunzione di integratori alimentari andrebbe regolata in base a certi parametri, come ad esempio le quantità consigliate dai dietisti o specialisti e i limiti di sicurezza. Come già detto più volte, se si assume una dose massiccia di integratori, si rischia di non avere nessun effetto benefico, ma problemi di salute. Generalmente, vengono utilizzati da persone che praticano sport a livello agonistico e che hanno bisogno di recuperare principi nutrienti molto velocemente, o da persone in stato di convalescenza o persone fortemente stressate. Nell’Unione Europea, la vendita e la produzione di questo tipo di prodotti viene regolata dalla direttiva 2002/46/CE, considerando gli integratori come prodotti non adibiti ad uso medicinale. Esistono diversi tipi di integratori alimentari in commercio e ognuno di esso è adatto ad una specifica esigenza di integrazione alimentare o di recupero di sostanze nutritive. Una delle tante tipologie di integratori alimentari esistenti sul mercato sono gli integratori energetici.Questo tipo di prodotto viene generalmente assunto da atleti che devono compiere prestazioni fisiche o atletiche di lunga durata, e sono generalmente composti da carboidrati. L’assunzione di questo tipo di integratore deve essere regolata in base all’indice glicemico, e deve essere un integratore di qualità.

In base a questi parametri e allo sforzo fisico che si deve compiere, si decide la quantità di assumere. Questo tipo di integratore andrebbe preso quando la persona non assume abbastanza cibi, come il pane, la pasta, patate, ecc.. Inoltre, è da citare il fatto che l’integratore energetico è uno dei strumenti che permette al corpo di funzionare in modo corretto, dal momento che forniscono le energie necessarie per svolgere tutte le attività necessarie, come ad esempio il battito cardiaco o il semplice respirare. In commercio esistono anche una grande varietà di integratori vitaminici. Questi andrebbero assunti in caso l’organismo abbia una carenza molto forte di vitamine. Naturalmente, vanno assunte sotto stretto controllo medico, seguendo le sue indicazioni, perché l’assunzione sbagliata può arrivare a danneggiare il fegato e scatenare fenomeni di ipervitaminosi. Invece, per quanto riguarda gli integratori di sali minerali e proteici, si può dire che sono adatti per tutte quelle persone che praticano sport e hanno bisogno di recuperare quelle sostanze nutritive perse con l’eccessivo sudore. È risaputo che, tramite la sudorazione, si perdono moltissimi sali minerali e una attività muscolare richiede grandi dosi di energia. Perciò, questo tipo di integratori va assunto con il preciso scopo di far recuperare energie al proprio organismo, in modo da alleviare i sintomi di affaticamento. Una dose eccessiva di questo prodotto potrebbe creare problemi ai reni, rallentandone il funzionamento.

Infine, vi sono gli integratori alimentari che vanno a sostituire totalmente un pasto completo. Questa tipologia di integratore andrebbe assunta solamente quando si sta cercando di tenere a freno il peso corporeo eliminando i pasti quotidiani. Nonostante questa sostituzione, l’organismo assume la quantità necessaria di sostanze nutritive che serve per il suo regolare funzionamento tramite apposite bevande o prodotti creati appositamente. Naturalmente, affinché non vi siano problemi causati dall’utilizzo di questo tipo di prodotto, l’integratore sostitutivo del pasto andrebbe assunto sotto il controllo di uno specialista, che valuterà le quantità da consumare e l’eventualità di sospendere l’assunzione del prodotto stesso per la vostra salute. Come detto precedentemente, assumere gli integratori alimentari non sostituisce in maniera completa una dieta bilanciata che prevede il consumo di ogni tipologia di cibo nelle giuste quantità, quindi se è possibile è preferibile consumare i cibi giusti.

Integratori alimentari: cosa sono e per quali funzioni possono essere&...