Il panino che fa bene al cuore (e al colesterolo)

Pranzare con un panino fa male? Non è sempre così: basta saper scegliere i giusti ingredienti, per ottenere un pasto che faccia bene al cuore, senza rinunciare al gusto e alla praticità

Pranzare con un panino fa male? Non è sempre così: basta saper scegliere i giusti ingredienti, per ottenere un pasto che faccia bene al cuore, senza rinunciare al gusto e alla praticità

Spesso, soprattutto quando si lavora fuori casa, pranzare con un panino è l’alternativa più pratica e veloce. Per non fare il pieno di grassi, però, è bene conoscere il “nemico”. E saper scegliere quali sono gli ingredienti perfetti per un sandwich che – oltre a soddisfare l’appetito – preservi anche la salute del nostro cuore, senza alzare i livelli di colesterolo. O, ancora meglio, combattendo quello cattivo.

Ingrediente principe di un panino è, ovviamente, il pane: quale scegliere per evitare un eccesso di calorie? Sicuramente, è bene puntare su varianti ricche di fibre solubili, in grado di mantenere sotto controllo i livelli di grasso nel sangue. Il pane migliore è quello integrale: al contrario del pane bianco, contiene un’alta percentuale di fibre, utilissime per combattere il colesterolo LDL. In caso si compri il pane al supermercato, è bene evitare le varianti ricche di zuccheri raffinati. E se proprio si vuole fare il “panino” perfetto, si può sostituire il pane utilizzando – per tenere insieme il ripieno – grandi foglie di lattuga, oppure della pita.

Perché il panino consumato in pausa pranzo faccia bene al cuore, è ovviamente importante scegliere la giusta farcia: via libera alle verdure, che non sono mai troppe e che – contenendo fitosteroli – abbassano i livelli di LDL. E se i classici sono pomodoro e insalata, si può ogni tanto variare puntando su fettine di cetriolo, carote e bastoncini, olive nere o fettine di avocado. Anche la frutta, può trovare posto dentro un panino: mele a dadini, acini d’uva tagliati a metà, specchi d’agrumi possono regalare al proprio sandwich un gusto unico. E super salutare. Se però proprio non si può (o non si vuole) fare a meno della carne, è bene scegliere solo i salumi magri (bresaola, prosciutto cotto senza grassi, tacchino arrosto), alternandoli però a pesce (salmone e tonno sono ricchissimi di Omega 3), ad hamburger vegetali (perfetti quelli di legumi) e a fette di tofu.

Infine, i condimenti: via libera alle spezie, all’aceto balsamico, alla senape e all’olio d’oliva. Attenzione invece a maionese, ketchup, burro e a tutte le salse e base di panna: far impennare le calorie di un panino è facilissimo. E mettere a rischio la salute del proprio cuore anche.

Il panino che fa bene al cuore (e al colesterolo)
Il panino che fa bene al cuore (e al colesterolo)