Dimagrire con l’agopuntura

Ho sempre fame: quando manca il senso di sazietà può capitare di mangiare troppo, ecco come perdere i chili in eccesso

“Ho sempre fame”: questo problema può diventare un vero e proprio tormento, soprattutto quando si sta cercando di seguire un corretto regime alimentare con tutta la buona volontà. Quali sono le soluzioni migliori per dimagrire? Avere una pancia piatta, addominali scolpiti o gambe snelle è il desiderio di tutti, ma raggiungere questo obiettivo non è sempre facile come si può pensare. Esistono vari metodi per dimagrire e perdere rapidamente i chili in eccesso, dalle diete ipocaloriche a quelle basate sul consumo di frutta e verdura. Per non parlare di una regolare attività fisica, necessaria per smaltire il grasso in eccesso. Può capitare che mentre si sta seguendo una dieta si avverta sempre un continuo senso di fame. Cedere a questa tentazione può portare un individuo a mangiare tutto il giorno e di conseguenza non segue la dieta in modo corretto. Ecco che i risultati del dimagrimento purtroppo non arrivano e bisogna ricominciare tutto daccapo. Non bisogna dimenticare però che esistono degli alimenti per combattere la fame nervosa che possono rivelarsi un ottimo aiuto per non imbattersi in questo problema. Tuttavia, anche questa soluzione potrebbe non essere sufficiente e il senso di fame continua a persistere.

Un ulteriore metodo per evitare di ritrovarsi a mangiare tutto il giorno è quello di ricorrere all’agopuntura. Si tratta di un rimedio realmente efficace? Gli esperti spiegano che il desiderio di dimagrire può scaturire da motivazioni differenti, a seconda della personalità e delle esigenze dell’individuo. Il compito dei medici è proprio quello di individuare la causa scatenante dello squilibrio che provoca l’aumento di peso. Non tutti però riescono a dimagrire con facilità, anche quando seguono delle diete piuttosto rigide. Precisamente accade che all’interno dell’organismo si installa un meccanismo energetico che ostacola la perdita di peso e quindi è davvero difficile risolvere il problema. L’agopuntura ha il compito di facilitare il dimagrimento, riequilibrando l’energia psico-fisica mediante un programma preciso, in base alle caratteristiche di un individuo. Generalmente la causa scatenante della difficoltà a perdere chili in eccesso è dovuta ad uno squilibrio del sistema neurovegetativo. A incidere su tutto ciò è un costante stato di ansia e tensione, il quale può giocare brutti scherzi.

Un individuo in questa situazione tende infatti ad avvertire la necessità di cibarsi in modo compulsivo e senza alcun tipo di freno. Una volta che riprende a mangiare alimenti di ogni tipo entra in questo circolo vizioso e non riesce più ad uscirne. Si tratta, purtroppo, di una cattiva abitudine, difficile da eliminare se prima non vengono individuate le cause principali. L’agopuntura ha lo scopo di equilibrare lo stato psico-fisico del paziente riducendo il senso di fame. Lo stress e la depressione sono fra i fattori principali e incidono moltissimo sugli attacchi di fame nervosa, poiché molto spesso non si tratta di appetito vero o dello stomaco che brontola, ma è semplicemente un modo per alleviare lo stato di agitazione e nervosismo. Il trattamento dell’agopuntura è associato ad una dieta personalizzata, la quale si basa su alimenti specifici che garantiscono un’azione curativa per tale situazione. Il medico ha il compito di individuare lo stato di stress del paziente attraverso una diagnosi accurata. Ad esempio, a seconda dei casi si possono manifestare delle necessità differenti.

Vi sono alcuni pazienti che non possono fare a meno di stare sempre in movimento con una costante necessità di assumere dolci, mentre altri sono pacati e prediligono i cibi salati. L’esigenza “ho sempre fame” tenderà pian piano a scomparire attraverso le sedute di agopuntura associate ad una dieta specifica, con lo scopo di stabilizzare l’energia di un individuo, contrastando quelle insidiose necessità compulsive. Quando si opta per questo tipo di trattamento bisogna inoltre considerare che la fase più critica è quella delle prime due settimane. Questa difficoltà si manifesta generalmente per ogni tipo di dieta. Pertanto bisogna agire efficacemente sul problema per placare gli attacchi di fame, soprattutto quelli compulsivi. Una volta che quest’utlimi tendono a scomparire, si iniziano finalmente ad ottenere i risultati desiderati e perdere peso diventa molto più semplice. Le zone più soggette allo stimolo dell’appetito sono situate all’interno del padiglione auricolare. Stimolandole, si evita di cadere in tentazione. Nei casi più critici invece, il trattamento dell’agopuntura prevede di posizionare degli aghi sottili con un cerotto di supporto, in modo tale che il paziente impari a sfruttarli durante gli attacchi fame acuta. E’ anche possibile intervenire con l’agopuntura si altre parti specifiche come ad esempio il sistema linfatico e le zone che corrispondono ai reni, soprattutto nel caso in cui il paziente è affetto da ritenzione idrica.

Dimagrire con l’agopuntura