Colesterolo cattivo, si dimezza il limite: “Mai sopra ai 100”

Il colesterolo in eccesso può apportare dei seri rischi per la salute, ecco alcuni importanti approfondimenti relativi ai valori da non superare

Il colesterolo cattivo o Ldl può provocare l’insorgere di malattie cardiovascolari. Si tratta di un aspetto da non sottovalutare, poiché incide particolarmente sulla salute dell’organismo. I cardiologi e gli esperti hanno voluto mettere in evidenza tutti i rischi che possono derivare da un livello di colesterolo troppo alto, affermando che è consigliabile non superare i 100. Si tratta di un aspetto basilare e da non sottovalutare, spiegano, indipendentemente dai rischi che possono insorgere. Questa raccomandazione prende vita dalla Società Europea di Cardiologia, dove alcuni esperti hanno voluto mettere in risalto l’importanza dei valori del colesterolo. Si tratta di vere e proprie esortazioni che prevedono un livello standard di Ldl, precisamente entro 70-100. Non ci sono più dubbi a riguardo. D’altronde è possibile contrastare il colesterolo alto attraverso dei semplici rimedi naturali. Questa raccomandazione vale per tutti, anche per coloro che hanno dei valori nella norma. Naturalmente, i pazienti che soffrono di un livello di colesterolo alto devono fare molta più attenzione. In particolare, per i soggetti affetti da ipercolesterolemia familiare. Nel corso degli anni, questi consigli erano rivolti unicamente a coloro che potevano correre il rischio di sviluppare delle patologie, pertanto venivano date delle indicazioni ben precise.

Ma le analisi attuali hanno portato alla luce nuovi aspetti da non trascurare, al fine di godere di ottima salute. Generalmente vi possono essere degli individui maggiormente vulnerabili allo sviluppo di malattie cardiache a causa di una predisposizione genetica, ma anche legate allo stato di salute. In casi come questi, il livello di colesterolo non deve oltrepassare assolutamente i 190. La prevenzione è la chiave per tenere il colesterolo basso e proteggere costantemente il proprio organismo dall’insorgere di patologie. Questo aspetto vale anche per l’Ldl. Come fare dunque ad evitare il colesterolo cattivo? In realtà è molto semplice, poiché basta fare attenzione alla propria alimentazione. Un cattivo regime alimentare è fra le cause principali del superamento del livello di colesterolo stabilito. Dopodiché, per contrastare questo problema è possibile ricorrere alle statine e come ultimo passo si può anche optare per dei nuovi farmaci disponibili al giorno d’oggi che aiutano a combattere il colesterolo in eccesso. Precisamente all’interno di questi medicinali si trova un elevato contenuto di anticorpi specifici, i quali assicurano numerosi vantaggi per l’organismo.

Pertanto, non sono solo le persone a rischio a doversi preoccupare dei livelli di colesterolo nel sangue, ma è di buon auspicio monitorare i suoi valori anche per coloro che non vanno incontro a nessun tipo di rischio. D’altronde prevenire è sempre meglio che curare. E questo vale anche per i limiti stabiliti dai cardiologi. Meglio ancora se questo limite scende ai 70 milligrammi, soprattutto per i pazienti predisposti al rischio di infarto o ictus a causa di una predisposizione genetica. Il noto Ldl, ovvero colesterolo cattivo deve quindi essere mantenuto sempre sotto controllo. Combattere l’ipercolesterolemia è comunque possibile, bastano delle piccole e semplici accortezze per ottenere dei risultati davvero ottimali, senza imbattersi in alcun tipo di effetto collaterale. Per fare ciò bisogna innanzitutto comprendere che il principale responsabile della produzione di colesterolo all’interno del sangue è il fegato, mentre la restante quantità si forma attraverso il cibo che viene ingerito.

Quando questa sostanza supera i livelli stabiliti tende a depositarsi all’interno dei vasi sanguigni e nelle arterie. Questo fenomeno è molto pericoloso, poiché può provocare l’ostruzione delle pareti. Di conseguenza questo può causare un’insufficienza della circolazione sanguigna che può incidere sulla salute del cuore e del cervello. Oltre alla medicina, seguire dei semplici accorgimenti a tavola è indispensabile per evitare l’insorgere del colesterolo cattivo. Per prevenire al meglio l’ipercolesterolemia è molto importante evitare gli alimenti ricchi di grassi saturi derivanti da animali come carne rossa, latticini, formaggi e insaccati. Quest’ultimi, in particolare, se consumati in quantità eccessive possono far male, poiché subiscono numerose lavorazioni industriali. Non mancano anche ulteriori alimenti come merendine o biscotti. Per beneficiare di una vera e propria funzione anti-colesterolo si può invece optare per gli alimenti contenenti i grassi essenziali come olio di girasole e pesce. I cibi ricchi di antiossidanti e vitamine possono rivelarsi un vero e proprio alleato per abbassare il colesterolo cattivo. Tra questi non possono mancare i cereali, preferibilmente integrali, il limone e naturalmente sono sempre ben gradite delle abbondanti porzioni di frutta e verdura di stagione. Infine, non sono da sottovalutare i legumi, poiché un loro regolare consumo può garantire un netto miglioramento sui livelli del colesterolo.

Colesterolo cattivo, si dimezza il limite: “Mai sopra ai 10...