Avete già sentito parlare della dieta dell’uovo sodo?

La dieta dell’uovo sodo si dice possa far perdere fino a 10 chilogrammi in 2 settimane. Sapete su cosa si basa questo programma alimentare?

La dieta dell’uovo sodo rappresenta una vera e propria rivincita dell’uovo il cui consumo viene spesso drasticamente ridotto se non addirittura eliminato quando si vuole perdere peso. Vediamo come funziona.

L’uovo sodo sazia
Il principio alla base di questa dieta è che l’uovo sodo ha un elevato potere saziante per cui induce a mangiare meno, inoltre è nutriente, proteico e ricco di vitamine, in particolare B e D, oltre a zinco e altri minerali. A rendere ancora più efficace questo regime alimentare è il fatto che prevede il consumo di frutta e verdura. Bere acqua in abbondanza (almeno 2 litri) è un’altra regola di questa dieta. Sono concessi anche caffè, , tisane e centrifugati, mentre vanno evitati alcol e bibite. Attenzione: essendo una dieta iperproteica, ipocalorica e a basso consumo di carboidrati, prima di iniziare è bene sentire il parere di un medico, va seguita per non più di 14 giorni, non è adatta a chi ha problemi renali o epatici oppure soffre di colesterolo alto.

Niente cibo spazzatura
Fra le regole che rendono questa dieta efficace c’è anche quella di evitare cibi spazzatura, alimenti ricchi di grassi o zuccheri e che non si può mangiare tra un pasto e l’altro. Per dolcificare, niente zucchero, ma sono ammessi dolcificanti. Pane e pasta sono vietati. Fra le raccomandazioni c’è poi quella di praticare dell’attività fisica regolarmente per almeno mezz’ora al giorno.

Il menù tipo della dieta dell’uovo
Secondo questa dieta a colazione si possono mangiare tutti i giorni 2 uova sode. A pranzo si mangia un uovo sodo e una porzione (100 grammi circa) di pesce o pollo (senza pelle) bollito, alla griglia, al forno o in padella, accompagnato da insalata o verdura (meglio se cruda). Stessa cosa per cena: 1 uovo sodo e una porzione di carni bianche o pesce, oltre a della verdura cruda. Queste le linee guida generali, in una variante di questa dieta è previsto che a colazione, a pranzo e a cena si consumi oltre a quanto detto, anche mezzo pompelmo. Perché il pompelmo? Per il suo apporto di vitamine, sali minerali e le sue proprietà drenanti. Come spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio ci si può concedere della frutta.

Avete già sentito parlare della dieta dell’uovo sodo?
Avete già sentito parlare della dieta dell’uovo sodo?