Seno: i consigli per mantenerlo alto e sodo

Per un décolleté al top, puntare su pelle e seno è il minimo indispensabile. Scopri come mantenerlo giovane

Il seno a coppa di champagne forse non è una condizione alla quale ogni donna può aspirare – chi ha una taglia maxi, come potrebbe fare? –, ma un seno sodo, piccolo o grande che sia, è il desiderio che accomuna tutte le donne. Simbolo di sensualità e femminilità, esibirlo con disinvoltura è una garanzia di successo e, diciamolo, fa sentire molto più sicure di noi.

Le cause di un seno cadente sono spesso sottovalutate. Se è vero che la grandezza e l’età sono due delle cause più accreditate, le altre sono concause sulle quali possiamo lavorare. Gli indumenti intimi devono essere elasticizzati e traspiranti, comodi e perfettamente aderenti alla coppa del seno, senza vuoti da colmare. Anche la postura deve essere corretta, spalle in fuori e pancia in dentro, poiché il seno cadente può essere causato proprio dalla chiusura delle spalle.

Una delle cause più dubbie è quella legata al parto e all’allattamento: alcune donne dicono di aver subito uno svuotamento del seno, altre invece, al contrario, non hanno rilevato lo stesso processo, ma anzi un ravvivamento e miglioramento sia nella posizione dei capezzoli, sia nella forma stessa del seno. Il fumo invece, è sempre un’aggravante poiché, ormai è risaputo, provoca perdita di elasticità nella pelle e nei tessuti causando un precoce invecchiamento. Anche non proteggersi perfettamente dai raggi UVA comporta un peggioramento dell’elasticità della pelle, quindi ricordati di applicarla sempre prima di esporti al sole.

Quali i rimedi per mantenerlo sodo? Se non sei in una situazione “grave”, bastano gli esercizi mirati da ripetere tutti i giorni con costanza per sollecitare la muscolatura e mantenere ben vascolarizzati e tonici i tessuti. Un esercizio classico è quello di congiungere le mani all’altezza del seno e spingere per 10 secondi una mano contro l’altra ripetendo la serie per molte volte, oppure al contrario spingere verso l’esterno congiungendo le mani come in un gancio.

Una buona abitudine è quella di alternare docce di acqua calda e fredda tutti i giorni per tonificare la pelle: d’inverno è più difficile, ma un trucco è scaldare al massimo la stanza da bagno e terminare con una docciatura calda. I massaggi funzionano alla grande, soprattuto se realizzati con movimenti circolari partendo dal capezzolo e con oli che aiutano la pelle a mantenersi idratata, come l’olio di mandorle.

Esistono poi prodotti specifici per mantenere il seno sodo e sono a base di Centella Asiatica, che rassoda, o di Argan, che garantisce massima idratazione. Ottimi anche i gel per un intervento casalingo. Quando la situazione è più problematica, è bene farsi aiutare anche dalle beauty esperte: i centri estetici propongono molte soluzioni alla portata di chiunque. Da scartare, invece, il metodo fai da te a base di nastro adesivo di Kim Kardashian.

E il chirurgo estetico? Lascialo per i casi più severi, ma se ne hai bisogno, puoi consultarlo per un intervento non invasivo. Con quattro sedute presso un centro specializzato puoi ridare compattezza al seno semplicemente con questa nuova tecnica che sembra più uno scioglilingua che un rimedio: il laser CO2 frazionato micro ablativo di terza generazione combinato a radiofrequenza ha la possibilità di rinvigorire la pelle e ridare elasticità aumentando la produzione di collagene.

Seno: i consigli per mantenerlo alto e sodo