Come truccarsi bene a 50 anni: scopri subito le 5 mosse per stupire

Come truccarsi bene a 50 anni è uno di quei temi che accompagnano le nuove leve di professioniste divise tra impegni, privati e pubblici, che impongono di essere in ordine ad ogni occasione. Certo, il make-up suggerito a donne in età matura non può essere assimilabile a quello studiato per un’adolescente per ovvi motivi, ma non per questo vanno incupiti i tratti e i colori di una stagione in cui obiettivi, successi e realizzazione conferiscono maggiore consapevolezza e indubbio fascino.

Perché si realizzi un trucco ben riuscito, prima di tutto deve essere curata la pelle del viso che richiede prodotti specifici per l’idratazione e, aspetto non trascurabile, la pulizia: tonico e detergente vanno scelti con cura, in base a una paziente predisposizone al cambiamento. Infatti, non tutti riescono a nutrire e preparare adeguatamente l’epidermide e non solo per questioni legate al Ph.

Come realizzare un trucco perfetto quando non si è più giovanissima, quindi? Andrea Robinson, con un passato da manager di case di cosmesi e da giornalista, ha pubblicato ‘Toss the gloss: beauty tips,tricks & truth for women over 50’ in cui invita le signore a scartare i fondotinta in polvere e qualsiasi cosmetico etichettato come anti-acne, a lunga durata, effetto mat (opaco), oil free (senza oli). Niente eyeliner liquidi né ombretti colorati. Da evitare anche le creme che promettono effetti lifting e rassodanti. Preferire le idratanti, illuminanti, ad effetto ‘rugiada’, schiarenti e trasparenti.

Una regola da seguire sempre impone di spalmare, prima di procedere, sul viso una buona crema base che protegga la pelle dai raggi solari e non unga. Per chi tende a diventare lucida, è consigliare applicare poi un primer trasparente che ha la funzione di fissare i prodotti che andranno a essere poi stesi. Si passa quindi al fondotinta: la scelta di questo prodotto, fondamentale per chi ha 50 anni e più, è determinante. Imparate anche a spalmare il fondotinta: usate un pennello adatto che comprerete con il prodotto più adatto in modo da distribuirlo senza lasciare chiazze e grumi che invecchiano.

Usate il primer anche sulle palpebre così da costruire una base anche per il trucco degli occhi e iniziate a disegnare con un pennello sottile ad angolo con un ombretto più chiaro di un tono le sopracciglia. Non truccatele trucco e cercate di mantenere la loro linea naturale.

Adesso arriva il momento clou: il blush. L’uniformità, come la realizzazione dei punti luce sul viso sono le fasi più importanti per conferire freschezza al vostro aspetto. Non scegliete colori appariscenti, optate per un mat durante il giorno e con un pennello apposito spargete la polvere (o la crema, se lo preferite in questa versione) sugli zigomi secondo una linea immaginaria fino alle vostre orecchie portando poi il colore fino alla parte inferire del viso, sotto la mascella. Darete così forma e dimensione.

Prima di mettere poi l’ombretto, sull’arcata optate per un bianco punto luce che alzi il sopracciglio e apra lo sguardo usando poi lo stesso per l’interno in prossimità dell’angolo interno dell’occhio. Con il correttore cercate di camuffare le imperfezioni, senza abusare di prodotto. Su questa base andate poi a colorare con ombretti e matite optando per colori naturali, che donano a tutte e celano piccole rughe. Abbondate con il mascara, preferibilmente nero intenso.

Per le labbra, altro punto imprescindibile, di giorno optate per nude pesca o rosati a seconda dei vostri colori, mentre per la sera osate con rossi, fucsia e mattoni.

Come truccarsi bene a 50 anni: scopri subito le 5 mosse per stupi...